“Perugia sicura”: si rafforza l’impegno per la sicurezza dei cittadini

869

“Dare ai cittadini maggiore sicurezza, facendo ciascuno di noi la propria parte con spirito di leale collaborazione istituzionale e secondo il principio di sussidiarietà. È questo ciò che ci chiede e attende da noi la collettività regionale”. È quanto affermato dalla presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, in occasione della firma di questa mattina, presso la Prefettura di Perugia, dei tre protocolli sulla sicurezza in Umbria, due dei quali vedono direttamente impegnata la Regione. Il primo, tra Regione Umbria e Ministero dell’Interno, è relativo alla riqualificazione urbana nei principali centri della regione. Il secondo invece è il rinnovo del patto per “Perugia sicura” e vede insieme alla Regione il diretto coinvolgimento di Prefettura, Comune e Provincia di Perugia. “Questi protocolli, che nascono da un lavoro avviato già diversi anni fa improntato alla collaborazione tra diversi livelli di governo, ha un approccio – ha aggiunto Marini – che privilegia l’assunzione di responsabilità rispetto ad azioni concrete da mettere in atto tese alla maggiore riduzione possibile di ogni tipo di rischio per la sicurezza dei cittadini”. La presidente ha quindi sottolineato come la Regione, con il protocollo sulla sicurezza urbana, intende mettere in atto “interventi utili alla riqualificazione di aree urbane degradate o per impedirne il degrado. Interventi assolutamente essenziali al fine della riduzione del rischio sicurezza. Così come la Regione, nell’ambito del patto per Perugia sicura, conferma e rinnova il suo convinto sostegno, anche finanziario, del patto sottoscritto per la prima volta nel 2008”. “In questi anni abbiamo sempre stimolato e favorito ogni forma di collaborazione con tutti gli altri livelli di governo, sia nazionali che locali, e con tutte le forze dell’ordine, perché restiamo convinti – ha concluso Marini – che questa sia la migliore strada per realizzare politiche di sicurezza efficaci ed efficienti. Il protocollo fra Regione Umbria e Ministero dell’Interno, di durata triennale, individua alcuni ambiti di collaborazione e progetti di sicurezza integrata fra Ministero dell’Interno e Regione Umbria, da realizzare con la collaborazione degli Enti Locali nel settore della sicurezza urbana e nel quadro della cooperazione operativa tra le Forze di Polizia e i corpi di Polizia locale.