Perugia: pronti 24 posti letto “bianchi” per pazienti no-covid

75
Ospedale di Perugia: nuove soluzioni per le patologie alla schiena. Impiantati su tre pazienti dispositivi per la stenosi del canale vertebrale

Perugia: pronti 24 posti letto “bianchi” per pazienti no-covid. Avviato il piano di riconversione alla Medicina Interna Scienze Endocrine e Metaboliche dell’Ospedale di Perugia

Pronti 24 posti letto “bianchi” per pazienti no-covid alla Medicina Interna Scienze Endocrine e Metaboliche dell’Ospedale di Perugia. Avviato il piano di riconversione dei posti letto. L’Azienda Ospedaliera di Perugia comunica che sono stati riconvertiti i posti letto della MISEM – Medicina Interna e Scienze Endocrine e Metaboliche, diretta dal professor Riccardo Calafiore, che fino ad oggi erano dedicati al ricovero di pazienti sospetti Covid, in 24 posti “bianchi” no-covid, ritornando all’attività originaria di degenza di medicina internistica.

Il piano di riconversione dei posti letto è stato avviato tenendo conto dell’attuale situazione epidemiologica e della effettiva occupazione dei posti letto dedicati ai pazienti Covid nell’Ospedale di Perugia seguendo le indicazioni dell’Assessore Coletto.

Nel piano rientra anche la riconversione dei posti letto della Medicina Vascolare Covid 2, diretta dalla professoressa Cecilia Becattini, che sono stati trasformati in 8 posti “grigi”, sospetti covid, riservati a pazienti che presentano sintomi da Covid ma in attesa di un inquadramento diagnostico preciso e quindi necessitano di un ricovero in isolamento.

A queste azioni sanitarie si aggiunge la sospensione delle attività di ricovero presso il reparto Low-Care Covid, dedicato a pazienti covid positivi ma che richiedono bassa intensità di cure, con il trasferimento dei pazienti presenti presso l’ospedale militare.

“Ringrazio tutti gli operatori sanitari – dice il dottor Marcello Giannico, Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera di Perugia, – per la dedizione e lo spirito di adattamento che richiede la continua modifica organizzativa dell’ospedale in questo lungo periodo di pandemia”.