Perugia al via “sport di tutti”

727

Presentati due progetti 

   

Sono state presentate questa mattina a San Martino in Campo le attività gratuite che saranno svolte a Perugia nell’ambito del progetto “Sport di tutti – Inclusione”, un modello d’intervento sportivo e sociale che mira ad abbattere le barriere di accesso allo sport e che declina concretamente il principio del diritto allo sport per le persone e nelle comunità.

“Sport di tutti – Inclusione” è un’iniziativa promossa dal Ministro per lo Sport e i Giovani Andrea Abodi attraverso il Dipartimento dello Sport in collaborazione con Sport e Salute SpA, la società dello Stato per la promozione dello sport e dei corretti stili di vita. Il progetto, che ha durata di due anni, ha lo scopo di supportare le associazioni e società sportive dilettantistiche e gli enti del terzo settore di ambito sportivo che svolgono attività di carattere sociale sul territorio attraverso iniziative che utilizzano lo sport come strumento educativo e di prevenzione del disagio sociale e psicofisico, di sviluppo e di inclusione sociale, di recupero e di socializzazione, di integrazione dei gruppi a rischio di emarginazione e delle minoranze, valorizzando la ricchezza dei territori e le loro diversità ed eccellenze.

Alla presentazione, presso il Green Park, hanno partecipato Clara Pastorelli, assessore allo sport Comune di Perugia, partner di entrambi i progetti, Marco Bertolini, presidente dell’Asd Tennis Country Sporting Club (asd capofila progetto Perugia Playground – sport per l’inclusione), Federica Amorini, presidente Asd Danza Africana (asd Capofila progetto D.A.M.E.S. – Donne in azione per il movimento, l’empowerment e lo sport), Sara Falcinelli, coordinatore Sport e Salute S.p.A. Regione Umbria, e, in qualità di moderatrice, Anna Schippa di Forma.Azione srl.

Il progetto “Perugia Playground – sport per l’inclusione” ha come società capofila la Asd Tennis Country Sporting Club, con i seguenti partner: Istituto Comprensivo 9 Perugia, CSEN, Asad Società Cooperativa Sociale, Cooperativa Sociale Borgorete, Comune di Perugia, Vi.Va. Partecipazione e Solidarietà APS.

Le attività in programma sono: Tennis, Padel, Ginnastica per tutti,  2 eventi di animazione e promozione realizzati in collaborazione con Csen, attività di doposcuola per bambini e ragazzi con laboratori artistici,  6 incontri con nutrizionista sui corretti stili di vita e la nutrizione correlata allo sport, 8 incontri rivolti a bambini e ragazzi sui valori dello sport,  5 eventi Watt (Walking Talking Therapy), pratica combinata di benessere corpo-mente che prevede attività di Nordic walking coadiuvata dallo psicologo, e 4 tornei (scacchi, carte, bocce etc) per over 65.

Il progetto “D.A.M.E.S.” (Donne in Azione per il Movimento, l’Empowerment e lo Sport), ha come società capofila la asd Danza Africana, con i seguenti partner: Asd Tacche e svasi, associazione Natura Urbana – Liberamente Donna Perugia, Auser Perugia, Il ponte d’incontro Aps, Comune di Perugia.

Le attività in programma sono: Danza africana, arrampicata sportiva, Nordic walking, incontri con un’esperta ostetrica sull’importanza del benessere e conoscenza del pavimento pelvico, incontri di difesa personale, proiezione di un documentario sull’arrampicata e le donne, evento sugli stereotipi nello sport.

I progetti prevedono un programma diversificato di corsi sportivi gratuiti per soggetti a rischio di dipendenze giovanili provenienti da strutture di recupero, bambine, ragazze, donne e persone a rischio di povertà educativa, arricchito da attività extra sportive nell’ambito dell’inclusione.

Per il progetto Perugia Playground è intervenuto Marco Bertolini.

“Una delle mission, la più importante, che la nostra associazione persegue dal giorno stesso della sua nascita è quella dell’inclusione – ha detto -. Per questo abbiamo concentrato tutti i nostri sforzi nella realizzazione del progetto Perugia Playground, affidandone la cogestione ai professionisti di Forma.Azione e la partnership ad associazioni ed enti territoriali (Comune, Istituto Comprensivo 9 Perugia, Csen, Asad e Borgorete, Vi.va Partecipazione e Solidarietà Aps) che perseguono quotidianamente il nostro scopo. Questo progetto è, e spero sarà, un primo passo verso un nuovo modello di sport e socialità: la dimostrazione che dal connubio tra pubblico e privati si possono raggiungere obiettivi davvero grandi”.

A parlare del progetto Dames è stata Federica Amorini.

“Danza Africana Perugia – ha ricordato – fin dalla sua nascita crede che le arti siano un grande e potente mezzo di comunicazione e inclusione, con le sue attività ha fatto sì che incontro, cultura e creatività siano le parole d’ordine per costruire nuovi orizzonti sociali. È per questo che fin da subito e con grande entusiasmo abbiamo accettato di essere capofila del progetto Dames, insieme all’Associazione Tacche e svasi, all’Associazione Natura Urbana, Libera… mente Donna Ets, all’Associazione il Ponte d’incontro 3.0, Comune di Perugia e l’Auser Perugia, affidandone la co-gestione ai professionisti di Forma.Azione. Crediamo fortemente che le attività sportive, artistiche e culturali siano dei grandi canali di inclusione destinate a tutte le soggettività che ne prendono parte indipendentemente dalla loro provenienza ed estrazione sociale”.

“Come amministrazione comunale abbiamo accolto fin da subito con entusiasmo le proposte di partnership avanzate da Asd Danza africana e Tennis country sporting club per la rilevante valenza che rivestono i due progetti presentati nell’ambito del bando Sport di tutti – Inclusione”, ha quindi spiegato l’assessore allo sport del Comune di Perugia, Clara Pastorelli. “Lo sport e le arti, infatti, ricoprono da sempre una funzione determinante per il benessere della cittadinanza e per la sana crescita dei nostri giovani, contribuendo ad evitare derive verso comportamenti antisociali – ha continuato l’assessore -. Come Comune di Perugia, non a caso, abbiamo scelto dall’inizio della consiliatura di investire sullo sport, con interventi mirati per la riqualificazione e valorizzazione degli impianti sia grandi sia piccoli, stante la loro valenza di presidi sul territorio, e sostenendo in ogni modo possibile l’attività delle numerose società sportive presenti che rappresentano dei fiori all’occhiello per la città grazie al disinteressato impegno che ogni giorno mettono in ciò che fanno. Ringrazio le due società capofila dei progetti presentati, Danza africana e Tennis country sporting club, e con loro tutte le altre società aderenti, per queste iniziative che confermano come Perugia sia ricca di talenti e di persone pronte a mettersi al servizio degli altri e del bene comune”.

E’ in via di definizione il calendario dettagliato delle iniziative in programma.

Per informazioni:

TENNIS COUNTRY SPORTING CLUB: email: bertolinimarco76@gmail.com.

ASD DANZA AFRICANA: email: danzaafricanaperugia@gmail.com.