L’illuminazione di Gubbio cambia volto: nuove luci e tutte a led

166
 

L’illuminazione di Gubbio cambia volto: nuove luci e tutte a led. Tutti gli impianti verranno riqualificati sotto l’aspetto funzionale ed estetico, la gara verrà chiusa il 15 febbraio. Il sindaco Stirati: “Sedici zone monumentali finalmente valorizzate a dovere. La città sarà trasformata”

 

L’illuminazione pubblica cittadina cambia volto: tutti gli impianti verranno riconvertiti a led e riqualificati sia sotto l’aspetto funzionale che estetico. Non solo: per alcune zone del centro storico sono in arrivo interventi volti al miglioramento della qualità dell’illuminazione, così da valorizzare al meglio alcuni tra i più bei tesori architettonici e urbanistici della città. Nel dettaglio, il nuovo impianto di illuminazione verrà esteso a  Piazza Grande (illuminando così Palazzo dei Consoli, Palazzo Pretorio e Palazzo Ranghiasci), piazza Giordano Bruno, piazza Bosone, piazza della chiesa di Sant’Agostino, parte di Piazza San Pietro e le facciate del Duomo e del Palazzo Ducale.

Il Comune di Gubbio ha indetto una procedura per l’affidamento nella forma di partenariato pubblico privato della concessione per la gestione e manutenzione degli impianti, la relativa fornitura di energia elettrica e l’esecuzione dei lavori di riqualificazione, con conversione a led di tutti i centri luminosi.

“Vediamo finalmente la luce di un progetto davvero importante – sottolinea il sindaco Stirati – che può rappresentare per la città un salto di qualità e una vera e propria nuova pagina di storia: tutto il corpo illuminante cittadino verrà sostituito con i led, attraverso un investimento capace di rendere il sistema più efficiente e sicuro, con in aggiunta la possibilità di illuminare con forte enfasi i punti salienti del centro storico, 16 luoghi monumentali che, illuminati a dovere, daranno il meglio di sé esprimendo se possibile ancor più la loro bellezza”.

Il valore complessivo della concessione è stimato quasi 9 milioni di euro, per 18 anni con un canone annuale. L’assessore ai Lavori Pubblici Valerio Piergentili spiega il dettaglio del progetto:

“All’interno della concessione verranno eseguiti interventi di riqualifica degli apparecchi, attraverso la sostituzione di tutti i corpi di illuminazione esistenti con led ad alta efficienza, una riqualifica funzionale ed estetica dei sostegni, una riqualifica delle linee dei quadri di comando (laddove non siano già installati installeremo misuratori di energia al fine di eliminare tutti i casi di misura a forfait del consumo) e interventi di estensione dell’impianto esistente, volti, come sottolineato dal sindaco, a valorizzare monumenti e palazzi storici. Il criterio di aggiudicazione della concessione sarà quello dell’offerta economicamente più vantaggiosa”.

Anche l’assessore Rita Cecchetti sottolinea la soddisfazione per l’inizio dell’iter:

“Le strategie di efficientamento energetico non solo sono competenza del mio assessorato, ma anche uno degli obiettivi dell’azione amministrativa. Per questo ritengo estremamente positivo che questa opera finalmente stia iniziando a vedere la luce”.

La procedura di gara, a seguito della convenzione stipulata tra il Comune di Gubbio e la Provincia di Perugia, è stata esperita dalla Provincia, con chiusura prevista per il 15 febbraio prossimo.