Il meteo preoccupa gli agricoltori umbri

193

Il meteo preoccupa gli agricoltori umbri. Secondo la Coldiretti, a gennaio nella regione il 75% di pioggia in meno

Dopo la tanta acqua di novembre con il ritardo delle semine e alcuni danni agli ortaggi, un inverno simile alla primavera con temperature oltre la media e scarse precipitazioni: la Coldiretti Umbria dà voce alla preoccupazione degli agricoltori sempre di più alle prese con cambiamenti climatici che incidono negativamente sulle attività in campagna.
Il clima pazzo – afferma Coldiretti – non aiuta la programmazione colturale, con effetti che rischiano sempre di più di compromettere in poco tempo gli sforzi degli agricoltori che perdono produzione e al contempo subiscono l’aumento dei costi. Anche dagli ultimi dati dell’Osservatorio Anbi – sottolinea Coldiretti – si evidenziano le difficoltà e le anomalie per l’Umbria, con il 75% di pioggia in meno rispetto allo scorso anno caduta nel mese di gennaio.