Il Comune di Perugia monitora e promuove i centri estivi sulla base dello standard di qualità e benessere

401

Anche quest’anno il Comune di Perugia sostiene i soggetti privati qualificati che organizzano e gestiscono i centri estivi per bambini e ragazzi da 3 a 16 anni nel proprio territorio, facilitando la frequenza di tutti, per aiutare in estate i genitori che lavorano. A fronte del rispetto di requisiti di qualità che riguardano i rapporti numerici operatori/utenti, la professionalità degli operatori, l’accoglienza di soggetti disabili, l’orario, l’organizzazione, il progetto educativo, gli spazi interni ed esterni e di requisiti di sicurezza, vengono concessi ai soggetti che gestiscono i centri estivi benefici, quali sedi scolastiche, trasporto, promozione e pubblicizzazione dell’iniziativa, nonché contributi per facilitare la frequenza di soggetti svantaggiati (segnalati dai Servizi Sociali), anche mediante l’applicazione di tariffe agevolate in base all’I.S.E.E. Il Comune, attraverso una selezione pubblica, ha accolto la domanda di 17 centri estivi che hanno richiesto in 15 contributi economici, 10 sedi scolastiche e 8 linee di trasporto, per un totale di circa 1.000 bambini preventivati, nel periodo 6-31 luglio. Inoltre il Comune, in collaborazione con l’ASL, per agevolare e rendere proficua la presenza al centro estivo di bambini/ragazzi disabili, assicurerà la presenza di un operatore aggiunto a persona; negli ultimi anni sono stati circa 65 per estate i bambini e ragazzi disabili che hanno potuto frequentare i centri estivi grazie al sostegno del Comune.