Gli auguri al neo Premier Mario Draghi della Presidente Tesei e del Cardinale Bassetti

171
foto: Ansa.it

Gli auguri al neo Premier Mario Draghi della Presidente Tesei e del Cardinale Bassetti. “La Chiesa è pronta a collaborare”

“Un augurio di buon lavoro, a nome mio e della Regione dell’Umbria, al nuovo presidente del Consiglio, Mario Draghi, e a tutti i suoi ministri”.

Ad esprimerlo è la Presidente della Regione Umbria Donatella Tesei.

“Da parte nostra c’è e vi sarà la massima disponibilità al confronto istituzionale, consapevoli del complesso momento che stiamo attraversando e certi della necessità di una collaborazione costruttiva tra Stato e Regioni. Sul tavolo vi sono temi fondamentali per costruire il futuro del nostro Paese, come quello del Recovery fund, occasione che l’Italia dovrà saper cogliere e concretizzare nel miglior modo possibile”.

Migranti, Bassetti: "Scelta imprudente, ma sono uomini liberi"

Anche il Presidente della Conferenza Episcopale Italiana, il Cardinale Gualtiero Bassetti, ha inviato al premier Mario Draghi un messaggio con

“i migliori auguri per l’importante e delicato compito che attende Lei e il nuovo Governo in una fase tanto complessa per la storia del nostro Paese, dell’Europa e del mondo intero. L’Italia ha bisogno di unire le forze. La Chiesa che è in Italia sarà un interlocutore attento e collaborativo, come sempre avvenuto, nel rispetto delle reciproche competenze”.

I vescovi auspicano una particolare attenzione del governo alle famiglie segnate dalla crisi.

“Siamo certi che Ella vorrà assegnare una prioritaria attenzione proprio alle persone e alle famiglie maggiormente segnate dalla sofferenza, dalla precarietà e dalla crisi economica. Abbiamo anche potuto apprezzare, in continuità con i Suoi precedenti incarichi, una particolare sottolineatura dell’orizzonte politico europeo, con uno sguardo rivolto alla solidarietà tra le Nazioni, alla pace, allo sviluppo sostenibile e alla giustizia sociale. Abbiamo seguito con trepidazione e preoccupazione gli sviluppi della recente crisi politica, ben sapendo che l’Italia ha bisogno di unire le forze per affrontare le pesanti, persino tragiche, ricadute della pandemia da Covid-19. Quest’emergenza ha posto in evidenza fratture molteplici: sanitarie, sociali, economiche, educative, generando fra l’altro nuove e diffuse povertà”.