Foligno, l’assessore Cetorelli (Lega): “Siglato il protocollo d’intesa per la natalità”

438

Foligno, l’assessore Cetorelli (Lega): “Siglato il protocollo d’intesa per la natalità”. Sostegno alle coppie che decideranno di avere un bambino, prevedendo anche aiuti di natura economica, incentivi alla maternità, assistenza alla donna e alla famiglia

Sostegno alle coppie che decideranno di avere un bambino, prevedendo anche aiuti di natura economica, incentivi alla maternità, assistenza alla donna e alla famiglia, ma non solo: siglato a Foligno il Protocollo d’intesa per la Natalità.

“Su mio invito il Comune di Foligno ha accolto negli uffici di via Oberdanuna pluralità di soggetti che lavorano già da tempo nel campo specifico della natalità e che hanno manifestato attenzione per la tematica dello spopolamento, da molti denunciato come un problema drammatico, ma mai affrontato in maniera integrata tra soggetti istituzionali e terzo settore con una strategia condivisa e continuativa”.

Così l’assessore comunale di Foligno, Agostino Cetorelli della Lega, che prosegue.

“Le coppie oggi non mettono al mondo figli non solo per problemi economici, ma perché non si sentono accompagnate nel tempo in una scelta che modifica gli stili di vita e porta un carico di responsabilità grande. Con questa rete di accoglienza della comunità vogliamo premiare e sostenere coloro che decidono di mettere al mondo un figlio il quale in tempi difficili come questi rappresenta un investimento nella speranza ed uno stimolo che mette in circolo nuove risorse anche economiche. Il Comune ha lavorato a questo protocollo per creare una cultura positiva della vita per sfidare quella cappa di sfiducia non solo tramite l’intervento dei servizi sociali, ma con un’assistenza, alle coppie e alle mamme che decideranno di avere un bambino,profusa tramite una grande rete costituita da vari soggetti: la Asl con i consultori, la diocesi tramite l’Ufficio per la pastorale per la famiglia e l’associazionismo familiare. Questo avverrà sia in gravidanza che nel primo anno di vita dell’infante. A tutela di questa delicata fase della donna sia prima che post partum, il comune ha attivato sia percorsi di natura economica, sia iniziative di accompagnamento e di cura rispetto alla solitudine che molto spesso vivono i genitori che decidono di mettere al mondo un figlio. Ho posto il tema precedentemente alla sigla anche in un incontro con i sindacati CGIL, CISL e UIL i quali hanno manifestato anche essi particolare preoccupazione per il problema della denatalità”.

Il patto per la natalità è stato siglato alla presenza dei consiglieri comunali, Luciana Collarini e Mauro Malaridotto, dal Distretto di Foligno, Usl Umbria 2, il Consultorio familiare, l’associazione “Centro Aiuto alla Vita”, l’associazione “Il Mosaico consultori familiari”, l’associazioneNazionale Famiglie Numerose, l’associazione “CDNF Family Day”, l’associazione “Centro Amore e Vita”, la Diocesi di Foligno, Ufficio Pastorale della Famiglia.

“Il Comune, per dare il benvenuto ai nuovi nati e cercare di migliorare questo trend negativo in tutto il comprensorio, erogherà un contributo economico e metterà a disposizione un fagotto per la vita ovvero donerà una valigetta di beni di prima necessità neonatale – spiega l’assessore Cetorelli –Il percorso è stato condiviso anche con gli altri comuni della zona sociale n.8 i quali beneficeranno anch’essi di tale innovazione nel panorama delle politiche familiari. Si costituirà inoltre un osservatorio semestrale dove verranno portati tutti i dati e le esperienze che i soggetti che hanno sottoscritto il patto per la vita avranno raccolto, al quale si potranno aggiungere ulteriori realtà aggregative ed altre associazioni o istituzioni che condividono le finalità di tale protocollo d’intesa”.