Ermore De Leo: «Votare “Dialogo e Azione” significa dare un futuro al nostro Comune»

157

A Castiglione una lista civica composta da ragazze e ragazzi, età media 25 anni, sostiene la candidatura a sindaco di Matteo Burico: è la vera novità per il territorio

   

Mancano poche ore alle Elezioni Comunali di Castiglione del Lago. Elezioni importanti che, tra tante realtà territoriali, più prettamente politiche o di matrice civica, ha visto in campo la grande novità di “Dialogo e Azione – Storici problemi, moderne soluzioni“, la lista civica con un’età media di 25 anni, a supporto del ricandidato sindaco Matteo Burico.
Una lista composta da giovani del territorio i quali, grazie a decine di incontri, eventi pubblici e attraverso i social, hanno cercato di portare il confronto e il dialogo al centro della campagna elettorale. Dare vita a una lista civica composta da ragazzi e ragazze del territorio ha significato sin dall’inizio, per il portavoce Ermore De Leo, creatore e ideatore della lista, dare alle nuove generazioni la consapevolezza di potere essere parte integrante della politica locale e no: «Grazie agli incontri che abbiamo svolto in questo ultimo mese e all’utilizzo ottimale dei social – spiega De Leo – siamo riusciti a dare ai giovani gli strumenti necessari per capire la macchina amministrativa che li circonda. Le nuove generazioni devono tornare al centro della vita politica dei paesi in cui nascono: aspetto fondamentale se vogliamo ambire a un futuro stabile per i nostri territori, fatto di nuove idee e soluzioni che possano essere adatte a tutti e a tutte».
Le proposte di Dialogo e Azione interessano quattro macro-argomenti: gli interessi del cittadino (la cultura e sensibilizzazione), laspetto sociale e le frazioniil lavoro e linformazione e infine il territorio.
«Votare la nostra lista significa prendersi cura del nostro Comune – afferma De Leo – costruire una rete amministrativa basata sui giovani vuol dire dare vita a un’amministrazione che con il tempo migliorerà e si rafforzerà, anziché deteriorarsi.  E ora come non mai è fondamentale esprimere la nostra opinione attraverso il voto se vogliamo che il Comune di Castiglione del Lago e tutte le sue frazioni cambino positivamente. Il voto è lo strumento che ci dà la possibilità di fare cambiare le cose non dall’alto ma dal basso, dalle radici della nostra società, ed è un diritto e un dovere che dobbiamo esercitare se crediamo e vogliamo un futuro migliore. “Dialogo e Azione” vuole rappresentare per tutta la popolazione castiglionese proprio questo: una possibilità di riscatto a lungo termine che possa portare avanti, non solo nei prossimi anni ma anche in un domani più lontano, progetti concreti e necessari. Noi tutti e tutte crediamo che per fare ciò sia necessario un confronto e un dialogo, ma soprattutto azione. Dare nuove soluzioni a storici problemi significa creare una rete sociale stabile, che vede comunicare nuove e vecchie generazioni, cittadini e amministrazioni, con l’obiettivo di risolvere quelle criticità che hanno coinvolto le generazioni che ora sono diventate genitori, nonni e che iniziano a coinvolgere anche noi figli e nipoti».
«L’ultima richiesta – conclude De Leo – è quindi quella di andare a votare non pensando solo alla propria persona ma anche a chi ci sta intorno, con un dialogo necessario; l’8 e il 9 giugno, attraverso il voto, saremo i protagonisti dell’azione decisiva affinché Castiglione del Lago diventi il Comune di cui tutti e tutte abbiamo bisogno».