Controvento: ora chi si occupa di madri e bambini vittime di violenza?

339
 

Controvento: ora chi si occupa di madri e bambini vittime di violenza? La cooperativa di Assisi lancia l’allarme in un’intervista realizzata attraverso l’associazione Sovrapensiero

In piena emergenza coronavirus, tra i tanti aspetti, c’è anche quello della violenza su donne e bambine, costrette a vivere in contesti e ambiti ancor più difficili rispetto a quelli usuali. Un tema questo molto caro all’Associazione Sovrapensiero che sta proseguendo le sue indagini tra le varie cooperative, con l’obiettivo di mettere in evidenza che alcuni settori sono in quotidiana difficoltà nonostante l’emergenza Covid-19. In questo caso, l’attenzione di Sovrapensiero si è spostata ad Assisi e precisamente alla Comunità Controvento di Assisi, associazione da sempre attiva per sostenere mamme e bambini in difficoltà e in prima linea nella campagna “Emergenza Donna, l’altra faccia del #Covid9“. In un’intervista alla Coordinatrice della Cooperativa Claudia Piccionne e alla psicoterapeuta Antonella Romansi è emerso che, in questo momento così delicato, molte situazioni di violenza e impotenza precedentemente vissute da alcune mamme e dai loro bambini tornano a ripetersi, costringendoli a vivere di nuovo una condizione di minaccia e paura. Le responsabili di Controvento si chiedono: quale istituzione tutela queste situazioni? Come mettere in sicurezza le ospiti della comunità, come fare inserimenti ma anche dimissioni, in questo momento dove è tutto fermo? Un segnale d’allarme, quindi, lanciato dalla operativa di Assisi che non può essere sottovalutato.

ASCOLTA L’INTERVISTA 

https://www.facebook.com/lesovrapensiero/videos/247533923094318/