Banca Centro Toscana-Umbria: primo semestre positivo

226
 

Crescono raccolta e impieghi. Modello distributivo tra digitalizzazione e relazione – A Sostegno a famiglie e imprese con plafond per investimenti, acquisto abitazioni, bonus e superbonus

Banca Centro Toscana-Umbria chiude in positivo il primo semestre, sia per il risultato economico sia per la crescita dei principali dati di raccolta e impieghi. Infatti, nei primi sei mesi la raccolta allargata supera i 2,2 miliardi di euro, in crescita di oltre 73 milioni di euro, e gli impieghi a clientela si attestano a circa 1,3 miliardi di euro, in crescita di oltre 30 milioni di euro con nuove erogazioni per oltre 110 milioni di euro.

Nonostante l’effetto Covid, che si è fatto sentire in particolare nel primo trimestre, è positivo lo sviluppo dei servizi alla clientela, in particolare il risparmio gestito che cresce di oltre 41 milioni di euro.

Anche in questo primo scorcio di esercizio è proseguita, inoltre, la politica intrapresa da anni sulle coperture dei rischi di credito correlati anche agli scenari pandemici: conseguentemente l’utile semestrale, al netto delle tasse, si attesta a oltre un 1,6 milioni di euro confermando la buona sostenibilità economico-patrimoniale della Bcc.

“Siamo prudentemente soddisfatti dei risultati del primo semestre – commenta il presidente Carmelo Campagna –, conseguiti in piena pandemia, ma soprattutto siamo consapevoli di aver dato sostegno ai territori di nostra competenza. Le crescite degli impieghi, e in particolare le erogazioni di credito, anche connesse ai decreti del governo, lo stanno a testimoniare”.

Una nota particolare viene dal vicepresidente Florio Faccendi sul tema della mutualità:

“Abbiamo continuato a fare cooperazione sul territorio sia direttamente sia come soci sostenitori della Sms Centro, fornendo sostegno a volontariato, cultura, sport, sanità e giovani”.

“Un grazie ai nostri soci e clienti per la fiducia che continuano ad accordarci – dicono il direttore generale Umberto Giubboni e il condirettore Marcello Morlandi – e ai nostri collaboratori tutti, che pur in un contesto difficile, hanno risposto in maniera professionale alle esigenze dei territori. Il risultato del primo semestre è in linea con la pianificazione aziendale, per il secondo intendiamo proseguire con i comportamenti ispirati alla prudenza fin qui tenuti e in piena coerenza con le indicazioni generali della capogruppo Iccrea, in particolare sulla gestione degli npl. I risultati economici conseguiti, grazie al confermato buon andamento gestionale, sosterranno, in corso di anno, oltre all’ulteriore riduzione degli npl, anche attraverso cessioni di gruppo, l’innalzamento dei coverages sull’intero comparto creditizio in ottica dello scenario pandemico e le iniziative gestionali e organizzative previste nel piano aziendale per l’esercizio in corso. Proseguiremo nell’offerta di plafond dedicati per gli investimenti, acquisto abitazioni, bonus e superbonus per dare risposte ai bisogni di soci e clienti”.

Negli ultimi 18 mesi è proseguita anche l’attività di sviluppo del nuovo modello distributivo e di servizi che ha portato all’installazione di 35 casse automatiche assistite (csa), di cui 14 installate proprio nel periodo di emergenza sanitaria: grazie alle csa i clienti possono eseguire in autonomia la maggior pare delle operazioni di sportello, senza attese e con il distanziamento garantito. Dall’altro lato, implementando le professionalità di banca mobile, il personale della banca è in grado di investire tempo nella relazione con soci e clienti.

Banca Centro Toscana-Umbria si prepara quindi, attraverso un’azione anticipatrice sul fronte gestionale e dei rischi aziendali, anche nel secondo semestre, ad affrontare gli effetti del contesto Covid ma anche ad agganciare l’auspicata e attesa ripresa dell’economia.