A Montone arriva la ‘Notte Romantica’

62
Montone, alla scoperto del borgo con
Fonte foto: Umbriatouring.it
 

A Montone arriva la ‘Notte Romantica’. Musica lungo le vie, ristoranti con menù a tema, mercato sotto le stelle e altro ancora

Presente fin dalla prima edizione, Montone non poteva mancare alla “Notte Romantica” nei Borghi più belli d’Italia.

E così, sabato 27 giugno, ancora una volta, il Borgo è pronto ad accogliere i visitatori per una serata tra sogno e realtà, interamente dedicata all’amore e alla bellezza in tutte le sue forme.

Come sempre Montone offrirà a tutti i partecipanti un programma ricco di atmosfere musicali, con proposte suggestive tra le vie storiche del borgo che si apre nuovamente alla vita.

“Con grande cautela e responsabilità, ma soprattutto in sicurezza – dichiara il vice sindaco Roberta Rosini –  l’Amministrazione ha voluto impegnarsi oltremodo per inviare un messaggio positivo di ripartenza e dare il via alla stagione turistica 2020. Il programma di questa quinta edizione coinvolge artisti, professionisti della musica, associazioni storiche, come Proloco e Umbria Film Festival, ma anche i produttori agricoli che, con i loro prodotti, aprono il mercato in una versione serale. Tutte le attività commerciali e i ristoratori hanno aderito all’iniziativa con proposte dedicate alla Notte Romantica, che risulta essere una manifestazione ormai divenuta un punto fermo nella proposta turistica di Montone”.

“La Notte Romantica di quest’anno – spiega Antonio Luna, Presidente della sezione umbra dell’associazione – è dedicata, oltre alle nostre combattive amministrazioni comunali e comunità locali, alle tante attività ristorative dei Borghi umbri che hanno deciso di rimettersi in gioco pur avendo dovuto modificare significativamente spazi, servizio, modalità di accoglienza in seguito alla pandemia. La loro capacità di tenere alta la gastronomia umbra ha recentemente ricevuto alti riconoscimenti e sono una componete fondamentale del nostro turismo. Buona cena romantica nei Borghi umbri più belli d’Italia”.