Vaccino anti meningite: le regioni non sono pronte

1030
   

Dopo gli ultimi casi di morti per meningite che hanno colpito alcuni giovani italiani, c’è la corsa a vaccinarsi. Ma i tempi per fare diventare operativo in tutte le regioni il nuovo piano vaccini presente nei nuovi Lea (livelli essenziali di assistenza), possono essere molto lunghi: da mesi ad alcuni anni. A segnalarlo è Carlo Signorelli, presidente della Società italiana di Igiene (Siti). Al momento solo 7 regioni (Basilicata, Liguria, Puglia, Toscana, Veneto, Sicilia e Friuli Venezia Giulia) hanno iniziato ad offrire gratuitamente il vaccino contro il meningococco B, uno dei ceppi più diffusi in Italia e inserito nel nuovo piano vaccini, e ancora meno quelle che hanno inserito il vaccino tetravalente per la meningite (per i ceppi A, C, W e Y) nel loro piano. In tutte le altre regioni bisognerà invece aspettare il recepimento del nuovo piano vaccini. (Fonte: Ansa.it)