“Vaccinare le persone con disabilità”

87

“Vaccinare le persone con disabilità”. A Fioroni e Peppucci (Lega) risponde l’Assessore Morroni, “Dalla prossima settimana sarannoi reclutati tutti gli aventi diritto”

Nella sessione dedicata al question time della seduta odierna dell’Assemblea di Palazzo Cesaroni, i consiglieri Paola Fioroni e Francesca Peppucci (Lega) hanno chiesto

“quali misure ed in quali tempi la Regione intende adottare per vaccinare le persone con disabilità, anche al fine di contrastare potenziali disuguaglianze nei gruppi di popolazioni particolarmente vulnerabili”.

Illustrando l’atto in Aula Fioroni ha ricordato che

“nelle linee guida del piano strategico nazionale per la vaccinazione del ministero della Salute, non sono ricomprese le persone con disabilità tra le categorie prioritarie. Ma il Commissario straordinario per l’emergenza Covid ha indicato per la seconda fase della campagna vaccinale le persone più fragili tra i destinatari delle dosi di vaccino. Non è chiaro se nella definizione dei più fragili vi rientrino le persone con disabilità grave e non autosufficienti nonché coloro che usufruiscono dell’assistenza domiciliare integrata. Però le persone con disabilità sono particolarmente esposte al pericolo di infezione in considerazione della più ampia sfera di vita di tali soggetti e delle persone che se ne prendono cura e carico, e dell’evidente difficoltà nel rispettare con rigore le misure di sicurezza nel contesto quotidiano, in particolare per i soggetti non autosufficienti e con disabilità psichica”.

L’assessore Morroni ha risposto che

“la vaccinazione dei soggetti affetti da specifiche patologie particolarmente critiche in quanto correlate al tasso di letalità associato a Covid 19 si avvierà ad aprile, nel rispetto delle indicazioni del piano nazionale. È stato necessario individuare la numerosità degli aventi diritto e dei criteri dove la sola esenzione non è sufficiente a garantire l’appartenenza alla specifica patologia della categoria o dove la condizione non è identificata da specifica esenzione. Rientrano in questa categoria i soggetti ‘estremamente vulnerabili’ ed i portatori di disabilità gravi. Allo stato attuale sono stati programmati e reclutati alla vaccinazione tutti i soggetti non autosufficienti, compresi quelli affetti da disabilità presenti nelle strutture residenziali sanitarie e socio-sanitarie e colore che frequentano le strutture semi residenziali. Dalla prossima settimana saranno reclutati tutti gli altri. Verranno vaccinati anche i caregiver nel rispetto delle indicazioni del piano nazionale con vaccino a vettore virale”.

Nella replica Fioroni, nel dichiararsi soddisfatta della risposta ha auspicato la

“massima velocizzazione delle procedure pur consapevoli delle difficoltà legate alla mancanza di vaccini da utilizzare per queste categorie di persone. Siamo consapevoli del lavoro che sta facendo la Giunta regionale, anche sollecitando le 50mila le dosi in più necessarie e promesse all’Umbria, per procedere velocemente con la vaccinazione”.