Un anno di attività raccontato con “La Magione”

950
   

Il Centro d’iniziativa sociale anziani (Cisa) di Magione fa il punto delle attività svolte durante l’anno attraverso il notiziario pubblicato dall’associazione che conta circa 700 iscritti ma che coinvolge nelle proprie attività oltre mille persone.

«Come per gli anni scorsi – spiega il presidente Mario Mariuccini – le attività che proponiamo sono molto diversificate. Andiamo dai corsi di ginnastica, svolti a Magione e Agello che vedono il coinvolgimento di un grande numero di persone, all’organizzazione delle vacanze al mare e dell’accompagnamento ai centri per le cure termali».

«Un impegno molto importante – prosegue – non solo per i soci ma anche per tutta la cittadinanza, sono stati i due incontri, aperti a tutta la popolazione, con screening sia per il “piede diabetico” che per le malattie della tiroide. Gli esami sono stati eseguiti gratuitamente ed hanno interessato un numero molto alto di nostri concittadini. La prevenzione della salute è uno dei temi su cui concentreremo molte delle attività anche per il prossimo anno».

Il Cisa, come ricorda anche il sindaco Giacomo Chiodini nel suo intervento, ha dato un forte aiuto nell’accoglienza delle trecento persone terremotate ospiti a Magione a seguito del sisma che ha colpito la Valnerina. Molto partecipata la tradizionale festa delle coppie che hanno compiuto i cinquant’anni di matrimonio. Pronto il calendario dei corsi che verranno organizzati nel 2017. Dal burraco al cucito, dai ricamo ai balli di gruppo tante le opportunità offerte dall’associazione per trascorrere il tempo libero senza dimenticare il servizio per la collettività come quello svolto quotidianamente davanti alla scuola media di Magione su richiesta del dirigente scolastico.

«Tutti i giorni – spiega Mariuccini – due volontari sono presenti all’entrata e uscita dei ragazzi. Una presenza discreta che vuole essere un disincentivo a fenomeni di bullismo e di avvicinamento, da parte di estranei, ai minori».

La pubblicazione è stata anche l’occasione per rendere omaggio allo scomparso Enzo Cardinali, detto Pizziconi, che l’anno scorso aveva festeggiato i cento anni in compagnia degli amici del Cisa, del sindaco e del parroco don Stefano Orsini.