Umbria al voto

111
 

Umbria al voto. Domenica e lunedì seggi aperti

Domenica e lunedì anche in Umbria si torna alle urne, per le consultazioni elettorali e referendarie. Le prime in epoca di Covid-19. I cittadini aventi diritto al voto per il referendum sono 666.602. Gli elettori delle amministrative, in sei comuni umbri coinvolti, sono 9.267.
Sono 493.206 (238.077 maschi, 255.129 femmine) divisi su 710 sezioni gli elettori della provincia di Perugia chiamati ai seggi per votare al referendum costituzionale per la riduzione dei parlamentari.
Contemporaneamente in Umbria si dovranno eleggere anche sei sindaci, tre andati a scadenza naturale quest’anno e altri tre a causa del termine anticipato della consiliatura. Per le comunali riferite alla provincia di Perugia si voterà nei due comuni di Valfabbrica (2.751 gli elettori) e Scheggino (387 totali).
I pazienti in trattamento domiciliare o in quarantena e in isolamento fiduciario che hanno chiesto di votare per il referendum sono al momento sei: cinque nel comune di Perugia e una relativa ad un elettore del comune di Pisa ma in isolamento a Bevagna. Del voto di queste persone si occuperà il seggio speciale che raccoglie, in caso di richiesta, anche quelli nei reparti ospedalieri Covid-19.
In provincia di Terni, i cittadini aventi diritto al voto per il referendum (295 sezioni) sono 173.396 (83.132 maschi e 90.264 femmine).
Per le comunali (11 sezioni), gli elettori sono 6.129 (2.997 maschi e 3.132 femmine). Di questi, in particolare: ad Attigliano gli elettori sono 1.523; a Calvi dell’Umbria 1.519; a Ferentillo 1.554; a Giove 1.533.
All’interno del seggio speciale dell’ospedale Santa Maria di Terni è stata istituita da Comune, in collaborazione con azienda ospedaliera e Usl, una sezione Covid. Questa è stata anche autorizzata al voto a domicilio. Al momento le richieste sono due per tutta la provincia.