Sei maxi panchine fra i borghi e i prati di Montecastrilli

123

Saranno posizionate lungo un percorso di 85 chilometri

   

Sei maxi panchine, denominate Big Bench nell’ambito del progetto internazionale che le caratterizza, saranno installate in altrettanti punti panoramici del territorio comunale di Montecastrilli, lungo un percorso di 85 chilometri fra borghi, boschi, prati e colline.
L’iniziativa è stata presentata alla Provincia di Terni dal sindaco di Montecastrilli Riccardo Aquilini, alla presenza dell’assessore regionale al turismo Paola Agabiti.

Le sei panchine verranno installate – l’inaugurazione è prevista per il 25 aprile alle 15 – a Montecastrilli e nelle frazioni di Farnetta, Castel dell’Aquila, Quadrelli, Casteltodino e Collesecco.

Ci sono luoghi dove tutto scorre velocemente ed altri, come i nostri, dove il tempo si ferma” ha detto Aquilini. “Le nostre colline – ha spiegato – sono un valore aggiunto e abbiamo inteso creare un cammino che avesse unicità, di paesaggio e non solo. Un percorso in gran parte su strade sterrate o di breccia, che esalta il turismo ‘lento’, di chi va alla ricerca di esperienze nell’intero arco dell’anno.
Le sei maxi panchine, che sposano il progetto della Fondazione Big Bench Community Project secondo la visione del designer americano Chris Bangle, sono inserite in un contesto di pregio e raccolgono migliaia di appassionati in tutto il mondo, pronti a collezionare timbri, ne viene emesso uno per ciascuna panchina, da apporre in un passaporto dedicato”. Per l’assessore Agabiti “si tratta di un progetto innovativo che si sposa appieno con il turismo che oggi, in Umbria, vede una presenza media dei turisti superiore ai 12 giorni”. “Abbiamo punti di forza chiari – ha aggiunto -, confermati dalle recenti festività pasquali, e siamo al centro del turismo sostenibile, fra le prime regioni italiane scelte dai camminatori per i percorsi che consentono di scoprire con tante modalità diverse la storia, il patrimonio artistico, culturale, eno-gastronomico e tutte le nostre straordinarie eccellenze”.