Rsa Umbertide temporaneamente chiusa per carenza di richieste di ricovero

110
 

Rsa Umbertide temporaneamente chiusa per carenza di richieste di ricovero. L’assistenza ai malati viene garantita all’interno dell’ospedale. Cresce intanto il carico dell’assistenza domiciliare

L’attività della Rsa di Umbertide è stata temporaneamente sospesa per motivi legati al Covid-19. La sua ubicazione all’interno dell’ospedale, infatti, espone maggiormente persone fragili come gli anziani al rischio di contrarre il virus. Per questo motivo sono diminuite le dimissioni protette da parte del presidio ospedaliero e i medici di medicina generale hanno preferito l’assistenza domiciliare. Nel mese di marzo, infatti, ci sono state tre sole richieste di ricovero e nel mese di aprile una. Al momento della sospensione era presente un solo paziente in dimissione. E’ stato quindi ritenuto necessario impiegare il personale per potenziare attività assistenziali distrettuali dove attualmente c’è maggiore richiesta.

In questo periodo i due infermieri dell’Associazione Umbra Contro il Cancro di Umbertide, che nell’ambito di una convenzione con la Usl storicamente garantivano l’assistenza h24 ai malati terminali del territorio dell’Umbertidese, hanno interrotto la loro attività, essendo stati assunti da strutture pubbliche e l’equipe del Centro di Salute ha preso in carico anche i 34 pazienti in cure palliative. Inoltre sono aumentati gli anziani non autosufficienti assistiti a domicilio, in crescita a causa dell’emergenza Covid-19.

Per far fronte a queste nuove necessità è stato deciso di integrare temporaneamente l’equipe del Centro di salute con alcuni infermieri e Oss attualmente poco impegnati nella Rsa, mentre la restante parte del personale sarà a disposizione del Servizio Infermieristico per far fronte agli attuali bisogni emergenziali.

La presa in carico di assistiti non autosufficienti Covid negativi affetti da patologie croniche in labile compenso o scompensati sarà comunque garantita grazie ad un accordo con l’unità di Medicina dell’ospedale di Umbertide che ha disponibilità di posti letto di lungodegenza con assistenza medica e infermieristica h24.

L’assistenza sanitaria sul territorio di Umbertide, infine, è stata ancor più potenziata con l’attività dell’unica Unità Speciale di Continuità Assistenziale (USCA) del distretto Alto Tevere in cui i medici di continuità assistenziale in collaborazione con medici di medicina generale e pediatri di libera scelta prestano le cure a malati domiciliari positivi al Covid-19 su tutto il territorio.

E’ comunque primario interesse della direzione aziendale ripristinare l’assistenza in Rsa con le stesse risorse e la stessa offerta, non appena sarà conclusa questa emergenza epidemiologica.