Il Riesame di Perugia si è riservato di decidere in merito al Sindaco di Terni

636
Annullata la condanna a Valerio Menetti
 

Il tribunale del Riesame di Perugia si è riservato di decidere in merito alla richiesta avanzata dalla difesa del sindaco di Terni Leopoldo Di Girolamo di revocare la misura cautelare per la quale è agli arresti domiciliari nell’ambito di un’indagine di guardia di finanza e polizia su presunte irregolarità nell’affidamento di appalti. I difensori di Di Girolamo – gli avvocati Guido Calvi e Attilio e Daniele Biancifiori – hanno sostenuto l’estraneità alle accuse del sindaco. Anche in virtù del suo ruolo di indirizzo politico e non di gestione tecnico-amministrativa. La procura ha invece insistito sulla necessità della misura. All’udienza ha partecipato l’assessore comunale ai Lavori pubblici, Stefano Bucari, sottoposto, nell’ambito della stessa inchiesta, alla misura della sospensione dall’attività amministrativa. Anche il suo legale, l’avvocato Roberto Spoldi, ha chiesto la revoca del provvedimento e pure in merito alla sua posizione i giudici si sono riservati di decidere.

Fonte: Ansa.it