‘Progetto Mimosa’: anche in Umbria farmacie nuovamente in campo per la tutela delle donne

158

Nelle farmacie dell’Umbria torna ‘Progetto Mimosa’, la Campagna di sensibilizzazione contro la violenza sulle donne promossa dall’Associazione “Farmaciste Insieme”. L’iniziativa si svolge con il patrocinio di Federfarma e il sostegno della Fondazione Vodafone Italia, che ha messo a punto una app informativa denominata ‘Bright Sky’, scaricabile gratuitamente ed in grado di fornire consigli immediati per aiutare le donne vittime di violenza domestica. Il progetto Mimosa è stato presentato alla stampa con un webinar al quale hanno preso parte tra gli altri la presidente di ‘Farmaciste Insieme’ Angela Margiotta, il presidente di Federfarma Marco Cossolo ed il presidente della FOFI (Federazione Ordini Farmacisti Italiani) nonché vicepresidente della Camera dei Deputati Andrea Mandelli. L’iniziativa ha una forte valenza sociale, soprattutto nel perdurare dell’emergenza legata alla pandemia che spesso limita, per le donne vittime di violenza domestica, le possibilità di chiedere aiuto all’esterno. Si tratta, in sostanza, di una campagna che vedrà protagoniste in prima linea tutte le farmacie umbre al centro dell’iniziativa con un importante ruolo, quello di luogo in cui è possibile reperire informazioni utili per chi ha timore di rivolgersi, almeno inizialmente, altrove. Federfarma Umbria ha sposato nuovamente l’iniziativa, consapevole dell’importanza che la farmacia riveste nell’ottica del servizio al cittadino e nella fattispecie di tutela della salute. Così nella nostra regione le farmacie esporranno sui banconi locandine e brochure contenenti i riferimenti dei principali centri di ascolto accreditati sul territorio a cui le donne possono rivolgersi. Inoltre si potrà chiedere supporto al personale interno della farmacia, debitamente “formato”, che saprà con la doverosa delicatezza fornire le spiegazioni giuste sul tema. In conclusione, le farmacie, da sempre presidi sanitari e sociali sul territorio, continuano a fornire un aiuto mirato di primo orientamento alle donne in difficoltà vittime di abusi, violenze fisiche e psicologiche.

“E’ un tema questo che ci sta particolarmente a cuore – spiega Silvia Pagliacci presidente di Federfarma Perugia e delegato regionale dell’Associazione ‘Farmaciste Insieme’ -, e che già in passato avevamo avallato con convinzione. Anche perché al farmacista spesso ci si rivolge con fiducia e nelle farmacie si entra senza appuntamento, quindi può essere anche più agevole chiedere consiglio o aiuto. Tra l’altro ci tengo a ringraziare Farmaciste Insieme ed in generale tutte le colleghe che si prodigano per portarne avanti l’attività, tra queste Maria Cristina Bonanni particolarmente presente sul territorio umbro. In generale, pensiamo sia importante fare ‘rete’ attorno ad una questione delicata come questa, ecco perché sempre in tema di contrasto alla violenza sulle donne in Umbria come Federfarma abbiamo definito un accordo con Anci Umbria, Federsanità Umbria, Centro Regionale Pari Opportunità dell’Umbria, Assofarm Umbria e Ordine dei Farmacisti di Perugia e Terni per uniformare su tutto il territorio regionale l’inserimento del numero nazionale AntiViolenza 1522, che rimanda ai centri regionali antiviolenza, su tutti gli scontrini delle farmacie pubbliche e private che aderiranno. In questo modo si dà anche l’opportunità di mettere in contatto la persona con il centro di riferimento”.

“Ringrazio tutti gli attori coinvolti in questa iniziativa – ha affermato la Presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei, tra l’altro unica Governatrice donna italiana – avremmo ospitato volentieri nelle sale della Regione la sua presentazione, ma purtroppo la situazione che stiamo attraversando non ce lo ha permesso, mi auguro che potrà accadere nella prossima edizione del Progetto Mimosa.  Come Regione stiamo mettendo in campo direttamente ed indirettamente, e continueremo a farlo con determinazione, tutte quelle azioni che possono contrastare la violenza sulle donne. Come più volte sottolineato si deve riuscire ad aiutare le vittime a trovare la forza ed il coraggio per denunciare, ma anche le modalità concrete per proteggere le donne, senza dimenticare il fondamentale tassello di diffusione della cultura del rispetto”. La Regione Umbria, anche in considerazione dell’aumento degli episodi di violenza sulle donne avvenuto in periodo di pandemia, ha aumentato, come sottolineato qualche tempo fa dall’Assessore al Bilancio Paola Agabiti, lo stanziamento a sostegno dei centri anti violenza e delle case rifugio umbre.