Presentata la nuova bottiglia artistica di Birra Perugia

501

Un progetto che unisce birra artigianale, vino e ceramica d’autore. Nel segno della cultura e del territorio di Perugia, Torgiano e Deruta

Mettere insieme e far dialogare mondi apparentemente lontani, uniti tuttavia dalla ricerca dell’eccellenza e da un territorio comune. Nasce con questo obiettivo il Barley Wine di Birra Perugia, presentato ogni anno in una versione diversa e frutto di un lungo lavoro.

Anzitutto la birra, davvero molto particolare, di grande struttura e gradazione alcolica, appare ideale in questa stagione grazie al suo carattere invernale. Una birra da invecchiamento, addirittura, che si appresta a diventare un regalo di Natale originale.

Un vero e proprio “vino d’orzo”, omaggio dichiarato al nettare di Bacco, da sempre familiare al territorio in cui si trova il birrificio. Le vicine colline di Torgiano sono notoriamente vocate alla viticoltura e ospitano una delle cantine italiane più rappresentative nel mondo: Lungarotti. Proprio con questa realtà, Birra Perugia ha avviato una bella collaborazione: una volta usate per i loro grandi vini, le barrique Lungarotti vengono impiegate per l’affinamento di questa birra speciale. La sosta nelle botti, stavolta, è durata addirittura due anni!

Infine, il cerchio si chiude con un’altra eccellenza del territorio. Birra Perugia, infatti, si trova in una terra di confine tra i comuni di Perugia, Torgiano e Deruta, celebre nel mondo per le sue ceramiche d’autore. Inevitabile, dunque, pensare a bottiglie di ceramica per una birra che ha conosciuto i legni del vino di Torgiano.

Quest’anno le “opere” sono state ideate con il prezioso supporto delle designer Marta Toni e Beatrice Fedeli (Martatoni Studio), quindi realizzate dall’artista Nicola Boccini. Il risultato è straordinario: 50 bottiglie numerate, in gres porcellanato, smaltate e sigillate con tappo meccanico.

Le bottiglie targate 2021 sono state svelate da tutto lo staff del birrificio, alla presenza del sindaco di Torgiano Eridano Liberti, dell’assessore alla Cultura Elena Falaschi e del vicesindaco di Deruta Giacomo Marinacci.

“Siamo orgogliosi di questo progetto – fanno sapere da Birra Perugia -. Teniamo particolarmente al dialogo territoriale e vogliamo mettere insieme molte esperienze che parlano la lingua di casa nostra, in sinergia con il meglio che troviamo intorno a noi. Dove sono in vendita le bottiglie? Le poche disponibili si possono acquistare direttamente al birrificio, come del resto tutte le altre referenze (www.birraperugia.it – tel. 075 988 8096)”.

Birra, vino, ceramica e soprattutto territorio si fondono così in questo Barley Wine che pare incarnare alla perfezione lo slogan di Birra Perugia: “bevi per ricordare”