Pnrr e amministrazioni locali: il punto nel seminario

128
 

Iniziativa promossa da Scuola Umbra di Amministrazione Pubblica e Banca d’Italia

La diffusione della pandemia di Covid-19 ha influenzato notevolmente l’attività degli enti territoriali ed ha avuto forti ripercussioni su tutto il sistema economico regionale, già indebolito dalla precedente fase di crisi, mettendo sotto pressione anche gli equilibri di bilancio degli enti locali, soprattutto quelli dei Comuni.

Sulla dinamica della spesa delle Amministrazioni locali e sulle opportunità di sviluppo legate al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e alle risorse comunitarie si è concentrato, stamani, il confronto tra esperti e appresentanti degli Enti locali umbri. L’incontro online è stato aperto dai promotori dell’iniziativa: Scuola Umbra di Amministrazione Pubblica e Banca d’Italia Filiale di Perugia. A portare i saluti istituzionali la responsabile Area Formazione della Scuola e la Direttrice della Banca d’Italia, Filiale di Perugia.

Punto di partenza del confronto i dati relativi alla finanza locale, analizzata nel Rapporto sull’economia regionale della Banca d’Italia. Nel 2020, hanno sottolineato i componenti del Nucleo per la Ricerca Economica della Banca d’Italia intervenuti, i Comuni hanno registrato maggiori spese necessarie a fronteggiare l’emergenza e, contemporaneamente, un sensibile calo delle entrate correnti, che in larga parte hanno risentito del blocco delle attività nella fase più acuta della pandemia e delle misure di esenzione contributiva. L’impatto è stato attenuato dagli interventi messi in atto dal Governo.

Le Amministrazioni locali umbre, secondo l’analisi svolta da Banca d’Italia, mostrano ancora una dotazione del personale superiore alla media nonostante il calo più intenso registrato negli ultimi dieci anni. Il blocco del turnover ha avuto impatti significativi sull’età media del personale mentre il miglioramento della scolarizzazione ha portato a un incremento della quota di laureati.

In questo contesto, il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e le risorse comunitarie rappresentano un’occasione di sviluppo per realizzare investimenti e riforme. Governance, sistema di controllo e monitoraggio del Piano, prospettive di ripresa sono stati approfonditi dagli altri relatori, rappresentanti della Ragioneria Generale dello Stato – Ministero dell’Economia e delle Finanze e della Regione Umbria. L’incontro si è chiuso con l’intervento dell’Amministratore della Scuola Umbra di Amministrazione Pubblica e Seu Servizio Europa e del Coordinatore della Consulta Politiche Comunitarie e progettazione Europea di Anci Umbria.

Il seminario, organizzato insieme alla Filiale della Banca d’Italia di Perugia, è una delle attività predisposte da Suap-Scuola Umbra di Amministrazione Pubblica in materia di PNRR.

Sono in progettazione giornate formative dedicate alla trasformazione digitale della PA nonché alla gestione di processi e risorse in ambienti complessi, all’analisi delle misure della missione “Rivoluzione Verde e Transizione Ecologica”, agli strumenti e alle tecnologie di protezione dei sistemi informatici in ambito di cyber security.