Omicidio di Terni: albanese nega l’uccisione del connazionale

683
Fonte foto: Ansa.it
 

Ha negato di essere un assassino e ha fornito un alibi dicendo che non era a Terni il giorno dell’omicidio, il 60enne albanese Kujtim Beli, fermato al porto di Bari dai carabinieri con l’accusa di avere ucciso a colpi di pistola, a Terni, il suo connazionale Demir Hyseni di 49 anni. Le indagini sull’omicidio sono coordinate dalla procura umbra, ma l’interrogatorio di convalida del fermo si è celebrato a Bari, dove l’uomo è stato bloccato mentre tentava di imbarcarsi per l’Albania. Davanti al gip di Bari Annachiara Mastrorilli e al pm Marcello Quercia, il 60enne, difeso dall’avvocato Francesco Colonna, ha negato di avere ucciso il connazionale. Ha detto di non avere alcun motivo di risentimento nei suoi confronti anche perché è ormai da anni separato dalla moglie. Ha spiegato, inoltre, che quel giorno si trovava a Padova per lavoro e non a Terni. Il giudice si è riservato la decisione sulla richiesta di convalida del fermo.

Fonte: Ansa.it