Lettera aperta dei genitori dei ragazzi del Liceo Alessi di Perugia

176

Lettera aperta dei genitori dei ragazzi del Liceo Alessi di Perugia. “Manca ancora una figura dirigenziale alla guida dell’istituto”

Di seguito riportiamo la lettera dei genitori dei ragazzi del Liceo Alessi di Perugia

“A poco meno di quaranta giorni dalla riapertura delle scuole, il liceo Galeazzo Alessi di Perugia non ha ancora una figura dirigenziale alla guida dell’Istituto. A fronte anche della grave emergenza sanitaria che vede la riapertura degli istituti scolastici a rischio, il liceo dei nostri figli si trova ad affrontare un altro importantissimo problema, ossia la mancanza del dirigente scolastico. È sconcertante e avvilente pensare che non ci sia una figura di riferimento che assicuri ai nostri figli un adeguato diritto allo studio.

Nonostante i numerosi interventi da parte di noi genitori e degli stessi insegnanti del liceo, con cui abbiamo denunciato più volte la situazione, che si protrae da gennaio 2020, ad oggi ancora non abbiamo ricevuto alcuna risposta.

La preside in carica Laura Carmen Paladino è assente dal liceo da circa tre  mesi ed ha interrotto qualsiasi rapporto di comunicazione con il Liceo Alessi, ignorando l’invito dell’Ufficio scolastico a prendersi carico del problema dell’organizzazione della ‘didattica a distanza’ resasi necessaria per l’emergenza Covid-19.

A causa del mancato intervento della preside nel periodo in cui l’emergenza era appena scoppiata e in seguito all’interessamento del sindaco di Perugia Andrea Romizi, l’Ufficio scolastico si era visto costretto ad affidare la reggenza dell’istituto al Dirigente Silvio Improta, che con grande senso di responsabilità, ha accettato di assumere il difficile incarico di reggenza e, dopo aver riscosso la fiducia e recuperato la disponibilità alla cooperazione da parte del personale docente e non docente, ha in gran parte ripristinato, in meno di tre mesi, l’efficienza amministrativa ed organizzativa della scuola, superando gli ostacoli determinati, oltre che dalla generale situazione di emergenza epidemiologica, dalla discontinuità del suo incarico causata dalla prassi, finora sistematicamente adottata dalla professoressa Paladino, di non comunicare in tempi burocraticamente utili, alla scadenza di ogni congedo, le proprie intenzioni per il periodo successivo.

Ci chiediamo come, con queste premesse, i nostri ragazzi possano tornare a settembre sui banchi di scuola. Chiediamo un intervento degli enti preposti, chiediamo di aiutare i nostri ragazzi e garantire loro il diritto primario allo studio.

Siamo stanchi e amareggiati di questa situazione, non è accettabile che uno dei licei storici di una città capoluogo di Regione versi in questa situazione.

Chiediamo risposte, e soprattutto chiediamo che venga nominato un nuovo dirigente in grado di guidare la riapertura in sicurezza del liceo Alessi a settembre”.