La presidente Marini inaugura il nuovo stabilimento Umbragroup di Foligno

446

“Qui oggi, dopo anni molto difficili che ci lasciamo alle spalle, si respira un clima di maggior fiducia per il futuro. E qui si tocca con mano quanto sia importante investire in ricerca e innovazione”.

E’ quanto ha affermato la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, intervenuta questa mattina alla inaugurazione – insieme al vice presiedente, Fabio Paparelli – del nuovo ed innovativo stabilimento della Umbragroup, azienda di Foligno, presente sui mercati mondiali del settore aerospaziale, e fornitrice di colossi dell’industria aeronautica quali la Boeing.

“Nei giorni scorsi ho avuto il privilegio – ha proseguito Marini –  di poter visitare in anteprima il nuovo stabilimento e confrontarmi con il management del gruppo, ed avere la conferma che in questa azienda vi sono delle buone pratiche sia sotto il profilo delle politiche industriale, che delle relazioni interne ed esterne”. La presidente, citando lo scomparso Walter Baldaccini, fondatore dell’azienda, ha ricordato come egli spesso ripeteva che “la globalizzazione, il mercato mondiale, andavano vissuti come una opportunità per crescere. E per crescere si doveva investire in innovazione, ricerca e internazionalizzazione. Il successo di questa azienda dimostra che le imprese che meglio hanno resistito alla crisi sono appunto quelle che ce l’hanno fatta”.

La presidente Marini ha voluto ricordare anche i principi di “ grande rigore e della responsabilità etica del lavoro che caratterizzavano Walter Baldaccini e che ora rappresentano il DNA di questa azienda”.

“Anche noi, come Regione – ha detto la presidente – , abbiamo voluto raccogliere la sfida dell’innovazione e della ricerca. E con ancor più convinzione abbiamo deciso di indirizzare una gran parte delle risorse comunitarie di questo settennato di programmazione, per sostenere il nostro sistema di imprese e soprattutto quelle aziende che investiranno in ricerca e innovazione per elevare il loro livello di competitività e sostenere in questo modo la crescita della nostra economia”.