Il viaggio segreto tra arte e cioccolato

689

Il viaggio segreto tra arte e cioccolato. Serata organizzata da Banca Generali, per Eurochocolate 2019: un percorso sensoriale all’insegna del binomio perfetto tra arte e cioccolato alla presenza di ospiti illustri

Come ogni anno Banca Generali organizza durante la kermesse di Eurochocolate, all’Hotel Brufani di Perugia, l’evento più atteso per i suoi clienti, soprattutto per quelli amanti del cioccolato, perché la serata si sviluppa sempre con un Fil Rouge che ha a che fare con l’arte cioccolatiera. Questa volta si è concentrata sul connubio frequente fra Arte e cioccolato infatti l’invito per la serata aveva come titolo “Viaggio segreto tra arte e cioccolato”. Non di solo pane vive l’uomo: e non di solo cioccolato inteso come cibo. Il cioccolato, il “cibo degli dei” che è fra i più amati in tutto il mondo, ha avuto un ruolo fondamentale nella cucina occidentale, sia nella preparazione dei dolci che nella preparazione di piatti salati. Tuttavia un cibo così pregiato e unico non poteva limitarsi ai fornelli: infatti il cioccolato ha avuto un ruolo di primaria importanza anche nell’arte. Per l’occasione è stato chiamato ad intrattenere la serata il famoso maestro cioccolatiere Maurizio Di Mario che ha sapientemente raccontato agli ospiti presenti il matrimonio perfetto che si celebra fra cioccolato e spezie e le infinite possibilità di abbinamenti (basti pensare che il cioccolato ha oltre 390 note di gusto e si può abbinare praticamente con tutto).Il cammino per passare dalle fave di cacao al prodotto finito (il cioccolato) è lungo e ricco di sorprese, ed è stato molto interessante ripercorrerne le varie fasi passando dalla fermentazione alla tostatura fino ad arrivare al “liquore di cacao” (cioccolato “grezzo”) per poi giungere al cioccolato”vero”. Tante le sperimentazioni avvenute durante la serata, sotto la guida di Maurizio di Mario, e quante le spezie da abbinare al cioccolato presenti in sala, da poter assaporare e dedurre che tutte conferiscono un gusto unico e persistente, con note aromatiche davvero esilaranti. Ma in sala oltre alle creazioni al cioccolato, vere opere d’arte, erano presenti anche le creazioni materiche dell’artista contemporaneo perugino Massimiliano Donnari, in arte MaMo. Due fra tutte il “Generale della Cioccolato”con cui MaMo ha omaggiato il Festival Eurochocolate e “Pietro Vannucci”, detto il Perugino, dedicato alla nostra città.Cartoni, polveri, reti metalliche, tele, stoffe,bottoni, medaglie, nastri adesivi e perché no magari in futuro anche ciccolatini, questa la cifra stilistica di MaMo, artista materico per eccellenza, che fra poco sarà protagonista di uno speciale televisivo, a cura di Sydonia Production, che andrà in onda sulla RAI. Sulle tracce di Raffaello Sanzio, a 500 anni dalla morte, il documentario dal titolo “Raffaello un genio sensibile” si girerà anche qui a Perugia, alla scoperta dei luoghi raffaelleschi, di cui la città e la provincia ne è piena, e perché l’imprenditore-artista MaMo ha realizzato un “Raffaello”, in versione Rock, che avrà un ruolo cruciale nel “racconto”.

“Serate come queste fanno parte di un iter progettuale che punta tutto sull’investimento nel territorio, come fiore all’occhiello per poter stare più vicino ai nostri clienti e regalare loro momenti conviviali utili a consolidare la relazione”.

Queste le parole di Ermes Biagiotti, Area Manager Banca Generali Centro-Italia, che ha voluto sottolineare l’importanza di essere presenti sul territorio, con oltre 28 Private Banker, molti dei quali presenti per l’occasione,  per stare il più possibile vicino ai clienti offrendo loro la miglior tutela del patrimonio anche proponendo investimenti sostenibili che offrono svariate soluzioni.

Per la serata, organizzata da Banca Generali, nella figura di Mario Vescarelli, Executive Manager Area Perugia, è stata creata una Piece artistica al cioccolato, una vera e propria scultura d’arte, che è stata estratta e regalata agli ospiti, oltre all’occasione offerta di cimentarsi nella creazione di cioccolatini alle spezie.

Elena Capuccella