Grande successo per Umbria Jazz in Cina

438

E’ stato un successo crescente quello ottenuto da Umbria jazz al festival di Chengdu, in Cina, capitale della provincia del Sichuan, una delle più grandi e importanti città del Paese per popolazione (circa 16 milioni di abitanti), storia e tessuto economico.

Sono stati infatti oltre 3 mila gli spettatori per ciascun concerto. Una sorta di “corso intensivo di jazz” grazie al quale – sottolineano gli organizzatori – il pubblico cinese ha conosciuto dal vivo alcune forme di questa musica attraverso i musicisti italiani: il jazz per puristi di Stefano di Battista e Rosario Giuliani, quello intrecciato con la canzone d’autore (Burt Bacharach) di Karima, la classicità con la Swing Valley Band (che sarà anche a Orvieto per l’edizione invernale di Uj) e la Dance Society, l’anima più festaiola delle street parade dei Funk Off. Senza dimenticare la vocalità raffinata di Allan Harris ed il blues di Walter Wolfman Washington.