Foligno: collocazione pietre d’inciampo per ricordare le vittime dell’Olocausto

247

Per ricordare le vittime dell’Olocausto

   

A Foligno, verranno collocate sette pietre d’inciampo, per ricordare le vittime folignati dell’Olocausto.

Ne ha dato notizia l’assessore Paola De Bonis presentando l’iniziativa, approvata con una mozione all’unanimità dal Consiglio comunale.

Il progetto – spiega il Comune in una nota – nasce nel 1992 a Colonia ad opera di un artista tedesco, Gunter Demnig, e consiste nell’ incorporare, un piccolo blocco quadrato di pietra, ricoperto di ottone lucente, posto davanti la porta della casa nella quale ebbe ultima residenza un deportato nei campi di sterminio nazisti, per ricordarne il nome, l’anno di nascita, il giorno e il luogo di deportazione e la data della morte. Le sette pietre d’inciampo ricorderanno Augusto Bizzarri, Giacomo Melelli, Franco Pizzoni, Antonio Salcito, Franco Santocchia, Luigi Olivieri e Lino Spuntarelli, morti nei campi di concentramento.
“Abbiamo il dovere di raccontare quello che è successo – ha detto De Bonis – le pietre servono a noi e ai giovani”. Mario Gammarota, vicepresidente del Consiglio comunale, ha sottolineato il fatto che la pietra d’inciampo “ricorda il passato ma va attualizzata anche per il futuro”.