Bettona ad Agriumbria con Sapori e saperi d’eccellenza

185

Obiettivo valorizzare i prodotti enogastronomici locali

   

Con degustazioni guidate, incontri con le scuole e promozione della filiera agroalimentare del territorio, da venerdì 5 a domenica 7 aprile, Bettona parteciperà ad Agriumbria 2024 con uno spazio dedicato al progetto “Sapori e saperi d’eccellenza” per sostenere e valorizzare i prodotti enogastronomici del comprensorio locale.
Una vetrina di rilievo nazionale per il settore dell’agroalimentare e una tre giorni di incontri, informazione e divulgazione in cui i produttori partner del progetto presenteranno i prodotti del brand #bettonaproduceeccellenze per orientare i partecipanti verso una sana educazione alimentare e un consumo consapevole dei prodotti della filiera.
“Sapori e saperi d’eccellenza” è un progetto partecipato tra pubblico e privato che ha portato alla costituzione di un’associazione temporanea di scopo tra il Comune di Bettona e nove aziende locali che hanno scelto di investire in processi produttivi sostenibili.

Nel corso delle tre giornate saranno allestiti punti di degustazione e di assaggio forniti dai produttori aderenti al partenariato con approfondimenti sulle qualità e sulle caratteristiche dei prodotti stessi.
Tra gli eventi in programma, l’incontro “Olio è salute” a cura di Palma Bartolini, agronomo e docente all’istituto d’istruzione superiore Ciuffelli-Einaudi di Todi (venerdì 5 aprile, alle 11) e la presentazione del marchio #bettonaproduceeccellenze alla presenza di personalità istituzionali del settore agro-alimentare regionale e nazionale (sabato 6 aprile, ore 11).
“La partecipazione ad Agriumbria è frutto di un percorso che parte da lontano – sottolinea il sindaco di Bettona, Valerio Bazzoffia – e che ci ha permesso di riunire sotto un marchio identitario la nostra storia, le nostre produzioni e la qualità della filiera corta.

Vogliamo raccontare il territorio attraverso il patrimonio dell’agroalimentare con un occhio attento alle nuove generazioni, per accrescere la consapevolezza della sostenibilità come leva virtuosa per guardare al futuro”.