Agricoltura italiana e umbra in vetrina a Bruxelles

230

Peppucci (FI-Gruppo PPE): “Un evento importante per riflettere insieme sul futuro del nostro comparto primario”

   

Si è tenuto ieri, all’Emiciclo del Parlamento Europeo di Bruxelles, un convegno dal titolo “Patto degli agricoltori europei: la visione del PPE per l’agricoltura in Europa” organizzato dal Gruppo del Partito Popolare Europeo alla presenza di ministri, parlamentari nazionali, rappresentanti delle associazioni di agricoltori ed esperti politici in materia.

“In Parlamento Europeo una bella iniziativa organizzata dal Partito Popolare Europeo per parlare di agricoltura, ma soprattutto del futuro dell’agricoltura e del ruolo fondamentale degli agricoltori nell’Unione Europea e nel mondo – ha dichiarato l’Onorevole Francesca Peppucci (Forza Italia – Gruppo PPE) – Un evento di carattere generale ma che ha visto la partecipazione di tanti esponenti, come la Presidente della Commissione Europea e il Presidente del Gruppo PPE, Manfred Weber, ma anche di diversi rappresentanti della Regione Umbria. È importante a livello locale poter contribuire verso una visione di Europa che sia comune ma che sia agganciata alle esigenze territoriali e globali”.

“L’evento di ieri è stato un evento veramente importante e che ha dimostrato la strategicità’ che il PPE, con Forza Italia, vuole riservare al settore agricolo. Un settore primario che per noi è fondamentale per la salvaguardia del territorio, per lo sviluppo economico e sociale delle aree interne della nostra Europa, e soprattutto dell’Italia, e particolarmente per l’Umbria – ha commentato l’On. Raffaele Nevi, Presidente Vicario del Gruppo FI alla Camera dei Deputati e Portavoce nazionale del partito – Forza Italia è orgogliosa di fare parte di questa grande famiglia europea”.

 “Il settore agricolo è un settore strategico – è intervenuto, infine, Roberto Morroni, Vicepresidente della Regione Umbria e Assessore regionale alle Politiche agricole e agroalimentari – lo è per l’Europa, lo è per il nostro Paese, l’Italia, e lo è per la nostra regione, l’Umbria. Oggi è stato un momento prezioso di confronto e dibattito sul futuro di questo settore. Un settore che si trova dinanzi a delle sfide importanti, come la transizione digitale e la transizione green; due elementi che possono costituire la cornice di riferimento per costruire un’agricoltura che sappia incrementare le proprie produzioni per rispondere a una domanda crescente di una popolazione mondiale in aumento e, nel contempo, migliorare le proprie capacità produttive proprio per corrispondere al meglio ai temi di una sostenibilità ambientale, economica e sociale”.