Sono 44 le imprese storiche dell’Umbria

187
   

Incontro il 30 settembre 2024 le imprese che hanno già compiuto 100 anni nel 2023 potranno iscriversi al Registro delle imprese storiche, istituito da Unioncamere nel 2011 in collaborazione con le Camere di commercio “per certificare la storicità di queste aziende e dare valore a una longevità che è testimonianza diretta della resilienza del fare impresa”.
Le domande ( https://www.umbria.camcom.it/promuovere-limpresa-e-il-territorio /bandi-e-contributi/registro-delle-imprese-storiche-italiane-ria pertura-delle-imprese) possono essere presentate, entro il 30 settembre 2024 per le imprese già centenarie al 31 dicembre 2023, e a seguire dal primop gennaio fino al 31 luglio 2025 per tutte le imprese che avranno maturato i 100 anni al 31 dicembre 2024.
Ad oggi è piuttosto nutrito il gruppo di aziende umbre iscritte al Registro.
Sono in totale 44, di cui 23 del Ternano e 21 localizzate nel Perugino.

Il Registro coinvolge tutte le imprese, di qualsiasi forma giuridica, operanti in qualsiasi settore economico, che abbiano “una continuità di attività nello stesso settore merceologico da almeno 100 anni”.
Tra le centenarie iscritte che hanno attraversato generazioni, mutamenti storici, economici, sociali e rivoluzioni tecnologiche ci sono tutti i settori e i prodotti, e alcuni hanno portato il nome dell’Umbria in giro per il mondo: c’è l’acciaio prodotto a Terni dal 1884, ci sono le calzature di qualità realizzate ad Ellera dal 1907, il forno che non smette di produrre prelibatezze dal 1851 , ma anche la farmacia (l’unica attualmente iscritta al Registro) di Gualdo Tadino che ha superato la soglia dei cento anni.