Perugia piange la scomparsa di Laura Buco

516

Il cordoglio dei vari enti e gruppi politici

 

È scomparsa nella notte del 18 marzo, a Deruta, prematuramente, all’età di 43 anni, Laura Buco; lascia il marito Alessio Bevilacqua e due figlie, Adele e Camilla. Laura Buco, personaggio politico di rilievo, dai tempi dell’Università era parte attiva della politica regionale. Nel 2014, anno in cui venne fondato il coordinamento regionale di Forza Italia, Laura divenne coordinatrice provinciale, ruolo che ha continuato a ricoprire fino ad oggi. Dopo la Laurea in Scienze della Comunicazione, conseguita all’Università di Perugia, è entrata come collaboratrice nella redazione del Corriere dell’Umbria dove scriveva di cronaca per le redazioni di Foligno e Perugia. Nel 2007, candidata per il Comune di Deruta nella lista Civica di centro destra “Lavoro e Progresso” con il Sindaco Alvaro Verbena, ha ricoperta l’incarico di Assessore alla Cultura, Turismo e Commercio fino al 2012. Nel 2014 sostiene Andrea Romizi nella corsa a Sindaco, condividendo con lui la storica vittoria e diventando poi collaboratrice nel suo staff del primo mandato. Nel 2019, decide di candidarsi alle Regionali con Forza Italia, supportata dal partito e dal Premier Berlusconi. Nel secondo mandato di Romizi ha assunto poi il ruolo di porta voce. Laura Buco, personalità poliedrica, amante della recitazione e della letteratura, si è sempre spesa per il bene della comunità, prima per il suo Comune, quello di Deruta, poi per Perugia diventato ormai la sua seconda casa.

Il cordoglio del Sindaco Andrea Romizi:

“Sei stata la mia più importante amica. La mia confidente, la mia complice. Una colonna. La persona di cui mi sono sempre fidato ciecamente. Penso di non averti mai ringraziato abbastanza. Di non aver mai detto chiaramente quanto con la tua presenza, con la tua intelligenza, con la tua saggezza e con la tua sensibilità tu mi abbia più volte rassicurato. A volte, in quei momenti in cui mi sentivo insicuro, indeciso mi sono detto: vorrei essere come lei, come te. Una forza della natura. Una combattente, una che sapeva sempre cosa fare, che sapeva sempre che direzione prendere, che non si perdeva in bicchieri d’acqua, mai. Sempre sicura di sé. Pragmatica, concreta, ma sempre così profonda, così nobile d’animo, così attenta, meticolosa, delicata. Con la tua ironia e con la tua diplomazia, hai sempre saputo mettere tutti d’accordo: riportare l’armonia nelle situazioni di conflitto, far spuntare un sorriso nei momenti di tensione. Eri uno straordinario talento. Sei stata, in più occasioni, un esempio per me. La tua forza, sicurezza, leggerezza, determinazione, caparbietà mi hanno spesso ispirato. Tu mi hai spesso ispirato. Eri la mia portavoce, incarico che potevi rivestire solo tu. Per te questa è stata, dal primo momento, una missione e ti ringrazio ancora una volta dal profondo del mio cuore. Di fatto, però, non hai portato solo la mia voce, ma hai condiviso con me i miei carichi, le mie paure, le mie sconfitte, i miei pensieri, i miei successi, le mie conquiste e i miei traguardi. Averti avuto al mio fianco in tutti questi anni è stata una benedizione. Perché io so quanto hai fatto per me costantemente e spesso silenziosamente. Mi hai supportato, a volte sopportato e spesso tutelato. Ci sono cose nella vita che non hanno prezzo. Cose belle, dal valore inquantificabile. L’amicizia sincera, la lealtà, l’affetto vero e incondizionato sono tra queste. Tu le hai incarnate tutte. Eri preziosa, eri unica. Ci sei sempre stata per tutti. Non ti sei mai tirata indietro. Avevi attenzioni e cura nei confronti di tutti: della tua comunità politica, dei tuoi colleghi e dei tanti amici. Ora tutti noi ci stringiamo forte al tuo bene più grande, Alessio tuo marito, Adele e Camilla le tue piccoline, la tua mamma Carla e il tuo papà Carlo”.

Al cordoglio del Sindaco si unisce tutta la Giunta e tutto il consiglio comunale, attraverso le parole del presidente Nilo Arcudi.

“È un giorno triste per il Comune di Perugia. Nella giornata di ieri, domenica 18 marzo, ci ha lasciato Laura Buco, sconfitta dal male contro il quale stava combattendo da tempo con le unghie e con i denti, come era solita fare nella vita. Laura era una donna “tosta”, sempre in grado di trovare le parole giuste e di dare una mano agli altri, ma era anche una persona coerente, fermamente convinta delle proprie idee che portava avanti con passione ed impegno nell’ambito del mondo politico. Aveva solo 42 anni, visto che ne avrebbe compiuti 43 il 9 luglio, due splendide bambine in tenera età, Adele e Camilla, che lascia insieme al marito Alessio ed ai genitori Carla e Carlo cui vanno le più sentite condoglianze e la vicinanza del presidente e di tutti i consiglieri. Laura aveva una grande e genuina passione politica: era dirigente di Forza Italia (coordinatrice provinciale del partito), aveva ricoperto l’incarico di assessore alla cultura nel Comune di Deruta per 5 anni dal 2007 al 2012, mentre negli ultimi nove anni era stata a fianco del sindaco Andrea Romizi a Perugia dapprima nello staff della segreteria ed, in quest’ultima consiliatura, in qualità di portavoce del Primo Cittadino. Era, infine, anche giornalista iscritta all’albo regionale umbro dal 2007. In questo giorno di profondo dolore – sottolinea Nilo Arcudi – vogliamo ricordare Laura come lei si presentava ogni giorno, ossia con il sorriso, più forte delle avversità e dei problemi. Laura era così, sempre pronta a trovare le parole giuste per consolare chi aveva bisogno di sostegno, sempre disponibile con tutti nonostante gli impegni lavorativi e personali. Ci mancherà molto: la sua gioia di vivere, la passione politica, l’onestà e l’impegno sono solo alcune delle caratteristiche che la facevano amare da tutti. Per il Comune di Perugia e la comunità cittadina è una perdita irreparabile che ci riempie di tristezza. In questo momento del cordoglio ci stringiamo con forza attorno alla sua famiglia, ai genitori, al marito ed alle sue adorate bambine su cui, siamo certi, continuerà a vegliare da lassù. Ciao Laura”.

Il Coordinamento regionale di Forza Italia, nell’esprimere cordoglio per la scomparsa di Laura e profonda vicinanza alla sua famiglia, ne ricorda la vitalità e la passione.

“Laura è stata per noi un esempio. La sua azione politica ci è d’insegnamento; lei ci ha saputo dimostrare, con vigore ed entusiasmo, la bellezza di fare politica. Per lei significava condividere, essere amici, fare gruppo. Con il suo modo di essere e di portare avanti l’azione politica sempre con il sorriso, ha dato un grandissimo contributo a Forza Italia in Umbria, che non sarebbe stata la stessa senza di lei. Laura ci lascia un grande insegnamento, che resta per sempre e che per noi è un patrimonio importante”.

“La prematura scomparsa di Laura Buco mi genera un dolore immenso. La comunità regionale perde una persona di valore che ha saputo riversare nel suo impegno di amministratore pubblico e di dirigente politico le qualità di un carattere forte e determinato, di una passione autentica e di un’energia inesauribile. Una persona solare e generosa, sempre pronta a dare il proprio contributo e a mettersi in gioco”.

È quanto afferma il vicepresidente della Regione Umbria, Roberto Morroni, esprimendo profondo cordoglio per la morte della coordinatrice provinciale di Forza Italia, Laura Buco.

“Il suo ricordo e il suo esempio – sottolinea – rimarranno ben vivi in quanti hanno avuto l’opportunità di conoscerla. In questo momento, mi unisco al dolore della famiglia con un forte ed affettuoso abbraccio”.

“Un dolore immenso per la prematura scomparsa di Laura Buco, amica personale e coordinatrice provinciale di Forza Italia. Sin da ragazzi abbiamo condiviso un comune amore per la politica che era anche amicizia e comunità. Il mio cordoglio e quello di Fratelli d’Italia alla famiglia e alla comunità politica di Forza Italia”.

È quanto scrive sui social il sottosegretario all’Interno e Presidente provinciale di Perugia di FDI Emanuele Prisco, commentando la prematura scomparsa di Laura Buco, giovane dirigente di Forza Italia.

Il segretario provinciale della Lega di Perugia Francesco Cenciarini e i membri del consiglio direttivo affermano come

“La prematura scomparsa di Laura Buco, coordinatrice provinciale di Forza Italia, ha colpito tutta la comunità umbra. Come direttivo provinciale della Lega Umbria di Perugia, vogliamo esprimere vicinanza alla famiglia, agli amici e agli iscritti di Forza Italia. Abbiamo tutti perso una persona di valore che in questi anni si è spesa per far crescere e migliorare la comunità in cui viviamo, che il suo impegno e la sua testimonianza di buona politica sia un esempio per tutti noi. Come esponenti politici ma ancor prima come cittadini ci stringiamo forte attorno al marito Alessio e in modo particolare alle splendide Adele e Camilla per la perdita incolmabile della loro mamma”.

L’amministrazione comunale di Marsciano esprime un profondo cordoglio per la scomparsa di Laura Buco,

“giovane donna da molti anni impegnata nella comunità regionale, sia come amministratrice locale che, da ultimo, ricoprendo ruoli di coordinamento politico e in ambito istituzionale. Impegni che Laura ha sempre portato avanti con serietà, dedizione, competenza ed entusiasmo. Alla famiglia le più sentite condoglianze per una perdita che tocca anche tutta la realtà politica umbra, dove Laura ha saputo dare, con il grande pragmatismo che l’ha sempre contraddistinta, un importante contributo”.

Questa, invece, la nota del Sindaco di Bastia Umbra, Paola Lungarotti

“A nome personale e dell’Amministrazione Comunale di Bastia Umbra esprimo profondo dolore e cordoglio per la prematura scomparsa di Laura Buco, donna che ha saputo lasciare un forte segno della sua presenza in tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerla e di incontrarla. Alla sua famiglia, a cui ci stringiamo, le più sentite condoglianze, consapevoli che nulla può attutire l’immenso dolore. Il nostro cordoglio è rivolto anche al mondo politico regionale, in cui Laura ha apportato un innovativo e grande contributo, in particolare siamo vicini a tutti i suoi colleghi di partito, Forza Italia, in cui Laura ricopriva l’importante ruolo di coordinatrice provinciale”.