Strasimeno: vince il frusinate Carmine Buccilli con un tempo record

462

Peccato per la pioggia che anche quest’anno ha funestato quasi l’intera gara, ma la Strasimeno ha saputo comunque regalare grandi emozioni agli oltre 2.300 ‘eroici’ partecipanti e a coloro che hanno assistito alle varie fasi della manifestazione sportiva. Quella che si è svolta domenica 5 marzo è stata, infatti, l’edizione dei record, per il numero di iscritti, circa 1.850 alle gare competitive e 450 ai percorsi non agonistici, e per il tempo impiegato dal frusinate Carmine Buccilli per vincere l’Ultramaratona del Parco del lago Trasimeno. Classe 1982 e membro dell’Atletica Casone Noceto, Buccilli ha trionfato correndo i 58 chilometri del percorso più lungo nel fantastico tempo di 3 ore, 28 minuti e 59 secondi, 35 secondi in meno rispetto al record del 2016 realizzato dal maratoneta ucraino Evgenii Glyva. Una media di 3 minuti e 36 secondi al chilometro. “Sono molto contento – ha dichiarato all’arrivo Buccilli –. È la terza volta che partecipo a questa competizione ma non avevo mai corso oltre 50 chilometri. Come al solito cerco di far gara sul ritmo e mi sono ritrovato solitario sin dall’inizio, senza sapere il distacco dai rivali. C’erano tratti sterrati sui cui non sono abituato a correre e alla fine ho un po’ sofferto. Sono pronto a migliorarmi e quindi a tornare”. Primo umbro a completare la ultramaratona, in decima posizione, è stato invece il folignate Roberto Bellini. Umbra è stata anche la prima tra le donne a tagliare il traguardo della 16esima Strasimeno: 13esima nella classifica assoluta, l’atleta marscianese Silvia Tamburi dell’Atletica Avis Perugia, al suo debutto in una gara simile, ha corso 4 ore, 10 minuti e 51 secondi per giungere all’arrivo con un grande sorriso e, finalmente, sotto i raggi di un caldo sole. “Bella gara– ha commentato Tamburi – anche se è stata veramente dura. Ho accelerato verso il 45esimo chilometro per recuperare e dopo il 50esimo sono arrivati fatica e doloretti. La soddisfazione è quindi tanta”.

Sin dall’inizio, il maltempo ha disturbato gli atleti in fase di preparazione tecnica e riscaldamento. Urla liberatorie e di incoraggiamento hanno perciò salutato la partenza sul lungolago di Castiglione del Lago, gestita alla meglio dal comitato organizzatore composto da Asd Filippide-Avis Castiglione del Lago, Dream runners Perugia e Atletica Avis Perugia “La pioggia – ha affermato Fausto Risini, vicepresidente dell’Asd Filippide – ci ha penalizzato. Stare fermi sulla griglia sotto l’acqua non è piacevole e, purtroppo, per un contrattempo siamo partiti con qualche minuto di ritardo. C’è comunque grande soddisfazione per il traguardo raggiunto”. Il lungo serpentone, contraddistinto dai fosforescenti colori di pettorine e kway, si è quindi diretto verso ovest costeggiando le rive del lago. A vincere la tappa più breve di 10 chilometri, nella frazione di Borghetto, è stato Lorenzo Martinelli dell’Up Policiano Arezzo atletica (32 minuti e 35 secondi). La mezzamaratona, con traguardo a Passignano sul Trasimeno, è stata vinta dal marocchino Mohammed Lamiri dell’Asd Usa Runners Avezzano in 1 ora, 14 minuti e 31 secondi. Christian Fois dell’Asd Atletica Costa d’Argento si è distinto nella tappa di 34 chilometri, posizionata a San Feliciano, con un tempo di 2 ore, 10 minuti e 4 secondi. La maratona di 42,195 chilometri è stata conquistata in 2 ore, 37 minuti e 55 secondi dall’atleta ‘di casa’ Cristian Marianelli dell’Atletica Avis Perugia.

“Ormai – ha sottolineato Giovanni Farano, presidente dell’Asd Filippide – nessuno dubita sull’importanza sportiva della Strasimeno. Ci sono i più forti maratoneti e ultramaratoneti d’Italia, atleti internazionali e qui, probabilmente, verrà stilata la nazionale femminile. Siamo orgogliosi di questi risultati. Lo stesso vale sul versante della promozione del turismo: già da qualche anno le strutture ricettive del territorio registrano il tutto esaurito in occasione della manifestazione”.