Stirati sul terremoto: “A Gubbio nessun danno a persone e cose”

1060
   

Interviene il sindaco Filippo Mario Stirati per rassicurare cittadini e visitatori, dopo le scosse di terremoto avvertite distintamente anche a Gubbio nella serata di ieri:

In momenti così concitati e difficili,  voglio rassicurare  cittadini e visitatori, a nome mio e dell’intera amministrazione: la  situazione  è sotto controllo e non sono stati segnalati, a questo momento,  danni nel territorio dell’eugubino, dove è stato percepito con chiarezza l’evento  sismico  che ha colpito ieri sera una vasta area dell’Italia centrale,  avvertita  anche in zone lontane dall’epicentro.  Comunque, siamo costantemente in contatto con il Centro Operativo della Protezione Civile regionale e siamo pronti ad affrontare l’evolversi della situazione, qualora ce ne fosse bisogno. Ma possiamo affermare senza tema di smentita che la ‘città di pietra’ ha  retto bene e assorbito le scosse senza conseguenze, e di questo ci rallegriamo anche se siamo vicini alle popolazioni e ai Comuni che, anche in questo caso,  hanno subito danni ingenti.  Anche l’ordinanza di chiusura  nella giornata odierna delle scuole di ogni ordine e grado, emessa ieri sera,  subito dopo la prima scossa sismica delle ore 19,11 a cui è seguita l’altra forte scossa delle 21,15,  è stata emessa in via precauzionale, per consentire agli organi tecnici di effettuare sopralluoghi nelle strutture scolastiche.  Stiamo procedendo in tal senso, e l’accesso agli edifici scolastici  è consentito esclusivamente ai soggetti preposti alle verifiche e ai Vigili del Fuoco per valutare le condizioni di sicurezza, a maggior ragione dopo la seconda forte scossa. L’ottima tenuta degli edifici pubblici e privati è frutto anche dell’ottimo lavoro di  ricostruzione  e consolidamento avvenuto a Gubbio,  dopo gli ultimi terremoti dell’84 e del 97, con un piano di adeguamento alle regole antisismiche o comunque alla messa in sicurezza.  Tutti gli eventi previsti in città e nel territorio sono confermati, a cominciare dalla ‘Mostra del tartufo bianco’ che si inaugurerà domani pomeriggio; in piena attività le strutture ricettive ed operative le strutture museali ed espositive, pronte ad accogliere quanti vorranno visitarci in questi giorni, trovando la massima ospitalità che la città è in grado di garantire.