Si conferma il successo della “Sagra del Gambero” di San Savino

1096
 

“Si conferma una tra le sagre più attrattive della stagione turistica del Trasimeno credo per il giusto mix tra buona cucina, spettacoli popolari e iniziative culturali oltre, da non dimenticare, un luogo unico come è questo piccolo borgo da cui si gode uno splendido panorama sul Trasimeno”

con queste parole Maurizio Orsini, presidente della proloco di San Savino, Magione, che organizza la Sagra del gambero e del pesce di lago, esprime la sua soddisfazione per il successo dell’iniziativa giunta alla trentunesima edizione.

“Il nostro punto forte – prosegue – resta sicuramente la cucina, con oltre cento volontari che con passione tutti i giorni stanno dietro fuochi e fornelli. Un fattore che ci consente di riuscire ad offrire tutte le iniziative collaterali e poter dare contributi per la risistemazione di spazi e edifici del nostro paese come nel caso della ex-scuola elementare, che tra poco inaugureremo, ristrutturata grazie a una sinergia tra amministrazione comunale e proloco”.

“Comunque – fa sapere – anche tutte le manifestazioni collaterali hanno avuto un grande riscontro di pubblico e di partecipazione a cominciare dagli spettacoli nella suggestiva piazzetta, caratterizzati dalla ricerca di proposte più particolari adeguate anche allo spazio”.

“Grande soddisfazione per la partecipazione all’estemporanea di pittura sul tema “San Savino: I colori del lago Trasimeno e i suoi tramonti” che ha visto assegnare il primo premio al pittore molisano Antonio Mazziale su cinquantuno partecipanti. Ringrazio con l’occasione la giuria coordinata dalla studiosa d’arte Cinzia Rosini, e composta dal maestro Fausto Minestrini; Vanni Ruggeri, delegato alla cultura del comune di Magione; Roberto Volpi, professore artistico e dal critico e giornalista Sandro Allegrini per l’ottimo lavoro fatto. Al secondo posto si è classificata Antonio Civitarese di Chieti e terza Teresa Chiaraluce di Perugia. Segnalate le opere di Pietro Crocchioni di Perugia; e Lello Negozio di Marsciano. Tra le nuove iniziative proposte in questa edizione una grande soddisfazione è arrivata dalla prima edizione della prima Corsa del gambero con tantissimi bambini che hanno partecipato divertendosi con la giusta dose di competizione”.

“Ma la Sagra Del Gambero – conclude – se prima di tutto è una festa paesana, è anche innovazione, cultura, arte e attenzione agli sprechi. Ogni anno cerchiamo di portare qualcosa di nuovo e quest’anno abbiamo fatto ancora di più. Siamo la prima sagra realmente ad impatto zero grazie ai nostri volontari e a Regusto – Buono fino in fondo, con i suoi kit per l’asporto che consentono alle persone di poter riportare i cibo che non hanno consumato”.