Risorse idriche ad uso irriguo: Regione istituisce gruppo lavoro

517
Orvieto: guasto al tratto di rete idrica

Definire le linee guida regionali per la determinazione dei volumi di acqua prelevati e utilizzati a scopo irriguo: è questo il compito affidato al gruppo di lavoro che verrà istituito dalla Giunta regionale dell’Umbria, in attuazione di un recente decreto del Ministero delle politiche agricole. “Avere un quadro conoscitivo aggiornato ed uniforme sulle esigenze irrigue e sui quantitativi di acqua prelevati, realizzato con criteri omogenei – sottolinea l’assessore regionale all’Agricoltura e all’Ambiente, Fernanda Cecchini – è presupposto indispensabile per la gestione sostenibile e la tutela dell’acqua. Un obiettivo cui concorrerà l’Umbria, insieme alle altre Regioni italiane, predisponendo le istruzioni operative regionali per la quantificazione dei volumi idrici, nel rispetto dei criteri omogenei fissati dal decreto ministeriale”. “Le misurazioni dei prelievi dai corpi idrici superficiali e sotterranei e delle quantità impiegate dagli utilizzatori finali – aggiunge l’assessore – confluiranno in una banca dati unica di riferimento per il settore irriguo a servizio delle amministrazioni e degli enti competenti. Daranno un utile contributo anche per gli strumenti di pianificazione e gli investimenti per il settore irriguo, oltre a dare indicazioni in materia di risparmio idrico”. Il gruppo di lavoro per la redazione delle linee guida regionali per la quantificazione dei volumi idrici ad uso irriguo sarà composto da esperti in materia di gestione delle risorse idriche, di Piani di tutela delle acque e di Piani di Gestione di Distretto Idrografico, negli ambiti ambiente e territorio, agricoltura e sviluppo rurale della Regione e di altre Istituzioni regionali operanti nel settore.