Radio Green Stage a Sanremo: interviste, emozioni e canzoni

1137

Oltre otto ore di diretta ogni giorno, più di 2.400 minuti fra interviste, curiosità e canzoni, oltre 300 gli artisti intervistati, più di 300 le canzoni mandate in onda, 30mila i contatti, sette gli artisti che si sono esibiti al Palafiori. Sono questi i numeri che Green Stage Events e Radio Green Stage hanno collezionato in questi cinque giorni al Festival di Sanremo con “L’Umbria nel cuore”, senza dimenticare il terremoto e con uno sguardo positivo al futuro con l’obiettivo di promuovere non solo la musica ma anche l’Umbria e i suoi prodotti (direttamente da Norcia) che venivano regalati ai vari artisti e ospiti. Ai microfoni con lo speaker Giorgio Contilli (voce indiscutibile di Radio Subasio) – e i “colleghi” Isabetta Esposito, Elisa Tonelli coadiuvati da Francesco Pellovini, Bianca Clementi, Azzurra Pellovini, Simone Fedeli e Elena Giansiracusa – si sono ritrovati artisti, ospiti e case discografiche. Tanto per fare qualche nome. Luca Marci (proprietario di Neverland Records), Antonio Frodella (Free Recording Studio), gli artisti di Top Records, i ragazzi di SanremoDoc, i cantanti di Sanremo New talent, Francesca Alotta, Paki dei Nuovi Angeli, il cantante umbro Michele Bravi, Red Ronnie e i cantanti di Fiat Music, Francesco Bertoli dei Jarvis (ex gruppo di X Factor) e poi i tanti ospiti: Matteo Osso (stylist), Gianluca Mech (nutrizionista e inventore di Tisanoreica), Andrea Pallanca (Make up artist), Michele Cutro (direttore artistico di Cuki show), l’artista Flower Terry, Diego Bragonzi Bignami (cantante d’opera) e il fenomeno del momento Lapo Pulcini che a 13 anni è cantante, compositore, protagonista di fiction. Solo per citarne alcuni, senza però scordare il saluto all’Umbria lanciato da Fiorella Mannoia mentre firmava autografi. Innumerevoli le interviste e la musica lanciate da Radio Green Stage dalla postazione della hall del Grand Hotel & Des Anglaias. Al Palafiori, invece, insieme alle centinaia di artisti giovani provenienti da tutta Italia, si sono esibiti anche quelli che Green Stage Events aveva portato con sé. Uno spazio riservato all’associazione nel quale si sono esibiti: Azzurra Pellovini (22 anni di Foligno), Pamela Rizzo (26 anni di Lecce), Benedetta Sabatini (22 anni di Foligno – a fianco), Lisa Celeste (24 anni di Ovieto), Matteo Baldassarrini (19 anni di Assisi), I Secondo Modo (gruppo composto da: Federico Bocchini, 22 voce e chitarra, Stefano Ceccacci 19 batteria, Leonardo Tabarrini 20 basso, Elisa Battistelli 21 voce, Gioele Turrioni 22 tastiera) e Simone Mastragostino (Firenze). Tanta emozione e anche una grande opportunità questa per tutti gli artisti di farsi notare dai tanti discografici, talent scout e osservatori che giudicano SanremoDoc una incubatrice di artisti da non sottovalutare. Le varie esibizioni sono andate in diretta sul canale Muzic Tv di Sky (hd 951) e del digitale terrestre Ok Italia (163/170), che trasmetteranno anche alcune repliche. Insieme al team di Green Stage, anche quattro studenti del liceo Classico “Federico Frezzi” che lo scorso anno hanno partecipato all’edizione “La Scuola in radio” e che si sono intervallati con i vari speaker: Gaia Stelletti, Ilaria Lucantoni, Giovanni Pescetelli, insieme a Martina Reali che dallo scorso anno fa parte del team Di Rgs. Nella postazione di Rgs, anche i “piccoli” Samuele e Miriam Rustici, gli speaker di Rgs del programma “Baby’s Voice”. Soddisfazione del presidente di Green Stage, Francesco Pellovini:

“Sanremo è un trampolino di lancio incredibile. Il nostro team è ben solido e ha funzionato. Avevamo la fila di cantanti che si sono fatti intervistare e che hanno fatto ascoltare la loro canzone e questo ha fatto comprendere, anche agli operatori del settore musicale, che la Web radio è la radio del futuro. La musica italiana necessita di essere cantata da artisti italiani, la musica italiana è un patrimonio importante che va tutelato: un artista italiano che canta in inglese è un cantante perso”.

“Un grande successo per Green stage e per tutto il nostro team – ha detto il direttore artistico, Giorgio Contilli – E’ il settimo anno che siamo qui, ma quest’anno con la diretta è stato tutto diverso e più entusiasmante. Siamo un team molto affiatato e consolidato. Bello davvero il finale a Sanremo, quando in diretta per salutare i nostri ascoltatori, i sette nostri artisti hanno riproposto le loro canzoni. L’appuntamento è per il prossimo anno a Sanremo: l’organizzazione ci ha già opzionati per il 2018”.