Nuova sede per ‘Frontiera Lavoro’

988

Nuova sede per ‘Frontiera Lavoro’. Inaugurati a Perugia i locali della cooperativa che da anni è attiva per trovare un’occupazione alle persone svantaggiate

Grande partecipazione per l’inaugurazione della nuova sede per ‘Frontiera Lavoro’. La cooperativa perugina ha aperto ufficialmente le porte dei rinnovati locali di via Cortonese dove proseguirà l’importante lavoro che ormai da diciotto anni compie in tema di occupazione per le persone svantaggiate.

“L’inaugurazione della nuova sede di Frontiera Lavoro – ha dichiarato la Presidente della Regione, Catiuscia Marini, che da anni promuove politiche attive per l’inserimento lavorativo delle fasce deboli accanto all’attività di orientamento, educazione e formazione, rende ancora più stabile un’attività che ha un grande valore per la comunità”.

All’evento ha fatto registrare la sua presenza anche il Sindaco di Perugia Andrea Romizi e l’Assessore al sociale, Edi Cicchi.

“Per me è una bella emozione – ha esordito la stessa Cicchi – perchè venti anni fa Frontiera Lavoro è nata da uno spin off di Nuova Dimensione, cooperativa che ho presieduto. Oggi è una realtà consolidata del nostro territorio e un supporto importante per l’amministrazione comunale. Insieme abbiamo promosso ben 350 tirocini rivolti ai disabili e 450 legati al tema della povertà. Come prezioso è il servizio svolto al carcere di Capanne e all’ufficio cittadinanza con lo sportello Arcobaleno”.

Tanti anche i rappresentanti del mondo cooperativistico.

“E’ un traguardo importante – ha ammesso Andrea Fora, Presidente di Confcooperative Umbria – che Frontiera Lavoro raggiunge nell’anno della sua maturità. Acquisire una sede è un investimento che si fa per il territorio e nello specifico per un quartiere che ha bisogno di risolvere alcuni problemi legati all’integrazione. Negli anni sono stati fatti tantissimi inserimenti lavorativi, che sono andati al di là di un semplice assistenzialismo, puntando alla ricerca di talenti e competenze anche nelle persone con difficoltà”.