Monte Santa Maria Tiberina ‘combatte’ l’abbandono dei rifiuti

154

Monte Santa Maria Tiberina ‘combatte’ l’abbandono dei rifiuti. Fototrappole e inasprimento sanzioni, ecco la ricetta del piccolo Comune

Continuano le azioni contro l’abbandono dei rifiuti nel Comune di Monte Santa Maria Tiberina.

È stata emanata un’ordinanza che inasprisce le sanzioni per chi abbandona rifiuti nel territorio montesco, per chi non esegue correttamente la raccolta differenziata e per chi getta rifiuti dal finestrino delle auto o inquina corsi d’acqua e falde acquifere.

Nell’ordinanza, frutto di una concertazione con i responsabili degli uffici di Polizia Locale (Comandante Gabriele Tacchia) e dell’Ufficio Ambiente (geometra Marco Guerri), si ricorda come il Comune offra anche un servizio a chiamata completamente gratuito per il ritiro degli ingombranti e l’apertura dell’isola ecologica presso la frazione di Gioiello.

Cartelli che segnalano la presenza delle fototrappole sono stati dislocati in tutto il territorio.

“L’ambiente è la nostra risorsa, preservarlo con ogni strumento lecito è la missione della nostra azione politica e amministrativa” dichiara il Sindaco Letizia Michelini.

Nello stesso Comune era partita l’iniziativa contagiosa “puliamo il Monte” che vede cittadini volontari organizzati nella pulizia delle banchine stradali, con una serie di appuntenti calendarizzati dall’associazione culturale “Terra d’incontri” in collaborazione con l’amministrazione comunale.

Intanto, durante il consiglio comunale di oggi, 1 luglio, verrà discusso l’ordine del giorno proposto dal gruppo di maggioranza, per sollecitare l’Organizzazione Mondiale della Sanità a pronunciarsi sugli studi relativi agli effetti per ambiente e salute della nuovissima tecnologia 5G.