Carnevale magionese, la festa continua martedì con il rogo di Toni

575

Un pomeriggio allietato da un bel sole primaverile ha accolto le tante mascherine che hanno partecipato domenica al Carnevale magionese organizzato dalla proloco di Magione in collaborazione con l’amministrazione comunale e le associazioni locali tra cui il Centro sociale anziani, l’Arci e la Società operaia di Mutuo soccorso. Non è mancata la musica, grazie alla Filarmonica Giuseppe Biancalana, diretta dal maestro Maria Rita Cardinali; né lo spettacolo, con l’esibizione delle majorettes, che hanno dato prova della loro creatività, con le colorate coreografie realizzate utilizzando scenografici pon pon, e di abilità, con i lanci del loro tradizionale bastone. Tanti i costumi originali scelti dai bambini che hanno prediletto il mondo degli animali. In piazza sono infatti comparse zebre, pecorelle, orsetti, api tra coriandoli festosi lanciati dal gruppo dei ragazzi della proloco che, vestiti da clown, hanno animato il pomeriggio. Tra le attrazioni, particolarmente apprezzato lo spazio allestito con i cavalli dall’associazione Cavalieri di Pian di Carpine e le degustazioni di bruschetta offerte dal Segalavecchia e dal Comitato Sant’Antonio. Allestito dalla sezione locale dell’Avis anche un punto informativo a testimonianza che il carnevale di Magione è anche momento di solidarietà. Soddisfazione è stata espressa dagli organizzatori, in piazza Paolo Cesarini e Luigi Bufoli, rispettivamente presidente e vicepresidente della proloco, e dal sindaco Giacomo Chiodini che ha partecipato al pomeriggio di festa. Il carnevale prosegue martedì 28 febbraio, inizio alle ore 15, con il tradizionale rogo di Toni la maschera magionese simbolo di tutte le malefatte che, dopo essere stata processata e condannata domenica, verrà bruciata in piazza Mengoni.