A Terni funziona l’assistenza “remota ” per diabetici

506
Morto dopo un pugno, espiantati gli organi
 

Ha permesso di ridurre non solo gli accessi al pronto soccorso, ma anche le prestazioni ambulatoriale e i ricoveri il progetto sperimentale di telemonitoraggio domiciliare con assistenza in remoto per pazienti diabetici complessi avviato per la prima volta in Italia dall’azienda ospedaliera di Terni. Il direttore generale Andrea Casciarri ha parlato di “dati incoraggianti”. “Abbiamo avvicinato – ha detto l’assessore regionale alla Sanità Luca Barberini – il medico al paziente”. (fonte: Ansa.it)